Utente 162XXX
Salve a tutti, a Settembre mi sono fatto accidentalmente male in palestra ma non facendo pesi, bensì mettendo a posto i bilancieri.
Ho fatto un normale movimento con i palmi rivolti verso l'alto e ho sentito un dolore acuto seguito da uno strano click all'interno del polso sx.
Sono stato fermo per un paio di mesi pensando si trattasse di una distorsione o qualcosa di simiel, a Dicembre ho fatto la risonanza che non rivelava nulla di anomalo a parte una infiammazione tendinea dalla parte dell'ulna.
Il dolore piano piano passava, all'inizio non riuscivo a ruotare il polso per più di un tot di gradi, in quanto sentivo un dolore acuto seguito da degli strani click, anch'essi dolorosi.
Il mio ortopedico mi ha consigliato di fare un ecotomografia per vedere se veramente si trattasse di tendinopatia.
A gennaio ho fatto l'eco che ha rivelato l'inspessimento di quello stesso tendine, causato da un' infiammazione.
Mi ha dato degli integratori che aiutano i tendini e mi ha detto di stare a riposo.
A mesi dalla cura tuttavia per certi movimenti sento ancora fastidio, se ruoto il polso in certe occasioni al ritorno si può udire come un click che dentro di me lo sento come se fosse una sorta di attrito o qualcosa del genere, non saprei come spiegarlo.
Vorrei capire cos'ho per sapere cosa devo fare e poi poter tornare in palestra.
Vi ringrazio per tutti i consigli che riuscite a darmi, premetto che dovrei fare a settimane un eco di controllo per vedere se l'infiammazione è passata , ma a volte mi viene come la sensazione che non sia quello il problema.
Se potete anche dirmi qual'è l'esame specifico che permette di vedere le articolazione nel dettaglio e i tendini mi fate un'ulteriore favore. Grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non esistono esami più specifici di ecografia e risonanza magnetica per studiare i tessuti molli del polso.

Non ho ancora capito se è stato o meno visitato da uno specialista o se è stato seguito solo dal medico di famiglia.

Ha fatto terapie specifiche o ha osservato solo il riposo funzionale ?

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Salve, intanto la ringrazio per la risposta.
Inizialmente sono stato seguito dal medico di famiglia, il quale mi ha prescritto la risonanza, successivamente sono stato visitato da un ortopedico in gamba dell'ospedale di Sestri Ponente, un certo Dott Rinaldi.
Lui mi ha prescritto a sua volta un'ecotomografia perchè credeva fosse un problema di tendini, e così si è rivelato in base all'ultimo esame.
Ho seguito una terapia a base di riposo e degli integratori sempre prescrittimi dall'ortopedico per, se non ho capito male, " favorire la circolazione tendinea".
Ormai sono più di 2 mesi che sono fermo, in totale più di 7.
Mi sembra che per certi tipi di movimenti io percepisca ancora del fastidio/dolore.
Per esempio toccandomi con il palmo il centro della schiena dietro, dall'osso sacro, sento un leggero dolore dalla zona ulnare.
In rotazione antioraria certe volte percepisco una sorta di click interno.
Come uno scruscìo.
Io non riesco ancora a capire che cosa sia, e vorrei approfittarne per chiederlo a lei che è specializzato in questo tipo di diagnostiche.
Perchè se fossi sicuro che fosse solo tendinite starei a riposo per il tempo che ci vuole, e mi metteri il cuore in pace, ma non essendo sicuro cosa sia, non riesco a non pormi delle domande.
Lei cosa pensa che possa essere, se può aiutarla posso trascriverle il risultato dei due esami.
Non vorrei fosse un problema di articolazioni, o qualcosa del genere, per le quali serve un intervento chirurgico.
La ringrazio per l'estrema disponibilità.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
In genere lo "scoscio" (se di questo si tratta, origina dall'articolazione e non dal tendine, ma spesso non ha significato patologico.

Il dolore che avverte, invece, indica la persistenza di un problema. Se il Collega ritiene possa trattarsi di tendinite, può rivolgesi nuovamente a lui che, verificata la non completa risoluzione del quadro clinico, le proporrà certamente terapie più specifiche (tipo Tecar, laser + ultrasuoni, correnti antalgice, ecc.): a volte, infatti, il seplice riposo, anche se prolungato, può non essere sufficiente.

Buona giornata.
[#4] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Provvederò a ricontattarlo, La ringrazio dottore, buona giornata.