Utente 253XXX
Buongiorno a Tutti,
scrivo questo Post per ricercare risposte Veritiere riguardanti Eventuali Interazioni che ci possono essere tra l'uso di Sostanze stupefacenti e l'effetto dell'anestesia Totale.
Non è un Tabu' che spesso volentieri ragazzi in giovane eta' facciano uso di sostanze di vario tipo (Cannabis, Alcaloidi Vari, Anfetamine etc); Molti pero' quando si trovano a dover affrontare un intervento chirurgico , per Pudore o Vergogna, non comunicano al proprio Anestesista l'uso stesso di queste.
Richiedo pertanto informazioni precise riguardanti i possibili effetti collaterali, che ci possono essere sottoponendosi ad un anestesia totale e avendo fatto uso di sostanze in precedenza. Onde evitare rischi, sarebbe utile fare dell'informazione, oltre al dire che le droghe fanno male, che questo è ormai risaputo. Quali sostanze rimangono piu' a lungo nell'organismo? Ringrazio e saluto Cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, quando ci si deve sottoporre ad una anestesia per intervento chirurgico, dopo l'esecuzione degli esami preoperatori, ci si sottopone ad una visita anestesiologica. Lo scopo di questa visita è quello di essere valutati ai fini del rischio anestesiologico e pertanto bisogna essere più precisi possibile, dire tutto, ma propio tutto dalle allergie alle terapie assunte, dagli interventi subiti alla familiarità di malattie, dal fumo a quanti caffè si bevono. Pertanto figuriamoci se si deve soprassedere sull'uso di sostanze stupefacenti varie (per usare il suo termine). In questo caso l'anestesista è come il confessore, è abituato a sentirsi dire di tutto ed è legato al segreto professionale. Le sostanze stupefacenti possono avere svariati effetti collaterali ed ingenerare problemi intra e postoperatori anche gravi se l'anestesista ne è allo scuro: dalle aritmie cardiache al potenziamento dei farmaci anestetici, dai risvegli intraoperatori, alla agitazione psicomotoria alla fine dell'intervento. Tutto dipende dalla quantità, da quanto tempo si assumono e da quando è stata l'ultima assunzione. Generalmente io consiglio di non assumere nulla almeno per una settimana prima dell'intervento per abitudini di assunzione moderate/saltuarie.
Pertanto parli tranquillamente col suo anestesista senza timore di essere giudicato, perchè non succederà, è per la sua sicurezza.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 253XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio...Finalmente delle Informazioni precise a riguardo.
Buona giornata.