Login | Registrati | Recupera password
0/0

Le stenosi, l'ispessimento, ora il dottore voleva provare

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Le stenosi, l'ispessimento, ora il dottore voleva provare

    Buongiorno,
    vado in ospedale ad aprile 2010 dato che non andavo in bagno da una settimana e con dolori addominali mi ricoverano per una settimana, Pcr > 8, dalla tac risulta coprostasi e ispessimento dell'ultima ansa ileale, colonscopia con discreta iperplasia linfoide nella lamina propria, gastroscopia: esofagite lieve ed ecografia anse nella norma. vengo dimesso con una diagnosi di gastroenterite a possibile genesi virale. A Gennaio 2012 ho un episodio di vomito con conseguente diarrea per due giorni, mi viene un dolore in basso a destra dell' addome con stanchezza diffusa, mancanza di appettito, eseguo ecografia con il referto di: ispessimento dell'ultima ansa ileale ed alcuni linfonodi reattivi ingrossati. Il dolore passa a destra e mi viene a sinistra sempre in basso all'addome. Eseguo esami del sangue e feci: tutti nella norma tranne calprotectina > 300 e pcr 9.14. eseguo enterotac con contrasto: ispessimento, stratificazione, enhancement mucoso e stenosi dell'ultima ansa ileale, adiacente alla valvola ileocecale estesa per una lunghezza di 5 cm. A circa 3 cm a monte di tale ispessimento è riconoscibile un focale e breve restringimento stenotico dell'ileo, con vascolarizzazione parietale incrementata. Concomita incremento della vascolarizzazione, con aspetto a pettine, associata a linfoadenopatie mesenteriche. Diagnosi: morbo di Crohn. Inizio terapia con Rafton. Due settimane dopo eseguo colonscopia + ileoscopia: rare afte in tutto il grosso intestino, ultima ansa ileale normale. Istologico: mucosa ileale normale, edematosa. Colite cronica con focali segni di attività superficiale, talora microerosiva. Isolati aspetti di criptite e pericriptite. Quadro di non univoca interpretazione, pur non potendo escludere con sicurezza una possibile Ibd si consiglia di valutare anche diverse eziologie (farmaci, eziologia infettiva). Una settimana dopo eseguo ancora esami del sangue tutti nel norma tranne calprotectina 72 e ecografia delle anse normale. Eseguo un mese dopo gastroscopia: tutto normale tranne un lieve e non significativo incremento dei linfociti intraepiteliali. Decido di mia iniziativa di smettere il Rafton e mi rifiuto di prendere Azatioprina dato non esserci una diagnosi sicura. Nel frattempo mi sento meglio, premetto di non aver mai diarrea, gli unici problemi sono stanchezza generale, bruciore agli occhi e dolorini addominali non forti. Eseguo milioni di esami del sangue tutti negativi, rifaccio ecografia anse tutto normale tranne lieve ipertrofia del mesentere con plurime formazioni linfonodali alcune in fossa iliaca destra compatibili con linfonodi reattivi. Altri esami del sangue rilevano pcr 0,63 e acido folico 2,4. Eseguo il 29/05/12 entero rm con contrasto che risulta normale. Sembra scomparso tutto, le stenosi, l'ispessimento, ora il dottore voleva provare con la capsula. Non capisco piu niente, un dottore dice che è crohn l'altro dice che non è. Attendo una Vs risposta.
    Grazie



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 2115 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Gentile utente,
    <<calprotectina > 300 e pcr 9.14>> sono indici fortemente sospetti di IBD.

    Prima di risponderle compiutamente una domanda:
    "durante la fase, per così dire, florida, con riscontro delle sospette stenosi, aveva sangue occulto positivo, leucocitosi, neutrofilia, febbre, altro?".


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 4030 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Gentilissimo,

    La diagnosi di Crohn deve essere confermata da un esame istologico anche se è noto che anche istologicamente non sempre si ottiene un risultato positivo. Quanto meno ci dovrebbe essere la clinica ed un quadro endoscopico compatibile che nel suo caso non ci sono. Credo sia difficile proporre una terapia a lungo termine senza alcun dato.
    La videocapsula potrebbe essere a rischio in presenza di un restringimento.


    Cordialmente



    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Grazie della risposta. Non avevo ne sangue ne le altre cose che mi ha scritto, anche se la febbre ce l avevo ma non alta, avevo mancanza di appettito e da gennaio a oggi ho perso quasi dieci kg, dovuti penso a tutti gli esami fatti, all'ansia e alla mancanza di appetito. ma come è possibile che si parla di stenosi e restringimenti e poi scompare tutto?



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 4030 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    L'enterotac ha rilevato un restringimento dell'ultima ansa ileale e la colonscopia ha evidenziato multiple afte. Un processo infiammatorio sicuramente c'è stato. Tenga conto che ha fatto la terapia cortisonica che può aver contribuito a risolvere il processo infiammatorio. Ovviamente bisogna " stare in guardia" perchè il Crohn, si di Crohn si tratta, non si risolve con un breve ciclo di terapia.

    Saluti




    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Secondo lei dovrei prendere qualche farmaco? Se non è crohn cosa potrebbe essere?



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 2115 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Gentile utente,
    è sicuramente un quadro controverso e, ritengo, non ancora concluso.

    Gennaio 2012 :
    - dolore in basso a destra,
    - ecografia con riscontro di ispessimento dell'ultima ansa ileale ed alcuni linfonodi reattivi ingrossati,
    - calprotectina > 300 e pcr 9.14,
    - enterotac con contrasto: ispessimento, stratificazione, enhancement mucoso e stenosi dell'ultima ansa ileale con linfoadenopatie mesenteriche.

    ===>terapia con Budesonide<=== perchè no Mesalazina?

    Febbraio 2012 (?):
    Due settimane dopo lei esegue colonscopia + ileoscopia con riscontro di rare afte in tutto il grosso intestino, ultima ansa ileale normale. L' istologia parla di "criptite e pericriptite", ovvero di granulociti intorno alle cellule e fra le cellule delle ghiandole mucose ===> dato tipico di flogosi, soprattutto di IBD (colite ulcerosa e crohn)

    29/05/12 entero rm con contrasto che risulta normale.

    Concludendo ritengo che non si possa e non si debba escludere una IBD, quel che manca è una certezza istologica,
    a creare perplessità è la negatività ileale della colonscopia + enteroRM a fronte della convergenza di Ecografia + EnteroTAC di gennaio.

    Pertanto penso che sia importante (visti i diversi elementi di sospetto di IBD che, secondo me, prevalgono sulle apparenti incongruenze) continuare a monitorare "attentamente" la situazione e penso che i gastroenterologi a cui si è affidato le avranno consigliato le stesse cose.

    Nel caso così non fosse sarebbe utile che ci relazionasse.

    La sua attuale e totale negatività non rende ragionevole dare terapia.

    Cordialmente


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 4030 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Al momento, mi sembra, non c'è sintomatologia e non c'è diagnosi. Quindi non trovo indicazioni al trattamento. Il quadro deve essere attentamente monitorato con il supporto dello specialista gastroenterologo.

    Cordialmente




    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  9. #9
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Tutt'oggi mi sento meglio ma non più come prima, fino a settimana scorsa avevo afte in bocca con linfonodi sotto il mento ingrossati e herpes ( che nn ho mai avuto in tutta la mia vita), pochi e non forti dolori addominali, mi sento alcune volte un bruciore dentro e non sto molto bene dopo circa un'ora l'aver mangiato. Un dottore mi vuole far prendere azatioprina o l'altro dice che non è crohn e mi vuole far fare la capsula, inoltre mi continuano a bruciare gli occhi. Non so perchè mi hanno fatto prendere il Rafton al posto della mesalazina penso per le stenosi. secondo lei devo prendere qualche farmaco? Quale dottore secondo lei dovrei seguire?



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 2115 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    <<fino a settimana scorsa avevo afte in bocca>>
    <= altro elemento di sospetto,

    Ma, mi dica, lei si interfaccia seguendo due gastroenterologi diversi?



    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  11. #11
    Indice di partecipazione al sito: 4030 Medico specialista in: Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Chirurgia generale

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2008
    Gentilissimo,

    Ci chiede troppo. Non possiamo cerrtamente esprimerci sulla terapia su un caso poco chiaro e senza averla visitata. Ha già due gastroentologi di riferimento con cui si sta interfacciando. Sarebbe utile che si facesse seguire da un centro con esperienza nel settore. Di più sinceramente non possiamo dirle.

    Cordialmente




    Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, H San Giuseppe - MI www.endoscopiadigestiva.it
    CONSULTARE SEMPRE IL PROPRIO MEDICO.

  12. #12
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Si sono ancora in fase di "scelta" del dottore, non capisco perchè dicono due cose completamente diverse. Per questo avevo bisogno i sentire altri pareri. Scusate il disturbo.



Discussioni Simili

  1. Lo stomaco mi rovina la vita
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02/06/2012, 18:40
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02/06/2012, 03:53
  3. Problema tosse
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31/05/2012, 00:24
  4. Dolori sottocostali dx e torace
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 05/06/2012, 12:10
  5. Risultato gastroscopia
    in Gastroenterologia e endoscopia digestiva
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 05/06/2012, 22:11
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,20        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896