Utente 220XXX
Salve, scrivo per avere un parere professionale... mi è capitato di entrare in contatto con le dita con il sangue di una ferita profonda almeno mezzo centimetro, di una persona di cui non conosco lo stato di salute... il problema è che,nel caos del momento siccome piangevo, mi sono toccata più volte gli occhi per asciugare le lacrime, notando solo a situazione risolta che avevo le dita sporche di sangue... vorrei sapere se con un contatto di questo tipo (dunque sangue- dita- occhi) corro qualche rischio di contagio hiv... ho cercato su internet qualche informazione consultando vari siti ma non sono riuscita a capire molto,in alcuni si sosteneva che il virus all'aria muore, quindi i contatti indiretti non sono a rischio, mentre in altri invece c'era scritto che il virus ci mette un paio d'ore a morire, e siccome la faccenda che mi riguarda è avvenuta in pochi minuti non sò proprio che cosa pensare... La ringrazio anticipatamente per la sua risposta
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

mi sembra che le dinamiche raccontate non siano state particolarmente "rischiose" ma, visto che da questa postazione è sempre difficile capirle nel modo corretto, senza drammi ed ansie inutili è bene sentire il proprio medico curante a lui raccontare per bene quello che è successo in diretta e valutare se, passato il periodo "finestra", fare i test per escludere qualsiasi problema.

Le ripeto comunque che le sue mi sembrano paure un pò esagerate forse dalla situazione drammatica da lei vissuta.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per aver risposto, spero davvero che sia soltanto una mia paura esagerata... mi può chiarire il dubbio sulla durata vitale del virus esposto all'aria? La ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
L'HIV appartiene ai "retrovirus" un gruppo di virus che appartiene a sua volta al gruppo piú grande dei Lentivirus.

Si tratta di microrganismi piccolissimi e visibili solo al microscopio elettronico.

E' un virus, per nostra fortuna, poco resistente agli agenti atmosferici ed infatti non resiste all'essiccamento, ai raggi ultravioletti del sole, all'alcool e alla candeggina e, se esposto all'aria, rapidamente si disintegra.