Utente 243XXX
Salve vi contatto per un problema che ho da un paio di mesi,
La presenza di sangue nella saliva.
Tutto è cominciato una sera quando dopo aver cenato (mangiato qualcosa di croccante) ho notato la presenza di sangue nella saliva sputandola in bagno.
Il tutto si è ripetuto il giorno seguente, da li ho effettuato l'iter suggeritomi dal mio medico, visita dentistica, dove mi è stata fatta la pulizia dentale, e diagnosticata gengivite (già da anni quando lavo i denti energicamente c'era una fuoriuscita di sangue dalle gengive, ma roba di pochi minuti e di quantitativo minimo quasi invisibile.
Nella settimana seguente ho effettuato rx torace, esito negativo, nessuna patologia e inn fine visita otorino, dove mi ha sottoposto a un controllo di pochi minuti tramite laringoscopia (mi ha guardato la gola con un macchinario attaccato a uno schermo) dove mi è stato riscontrato laringite da reflusso gastroesofageo.
Ora quello che non mi è chiaro questo reflusso può da sangue in bocca? Per L'otorino il sangue viene dai denti, ma come fà a dirlo con certezza?
In più il reflusso non è compito del gastroenterelogo diagnosticarlo?
Per l'otorino avevo il tratto della gola "molto arrossato sicuramente causato da un'ernia iatale/reflusso gastrico) ma non mi ha levato il dubbio del sangue se sia collegato o meno e se no da dove proviene visto che al risveglio al mattino continuo a sputare saliva mista al sangue che man mano sparisce.
Aggiungo per il quadro clinico che non supero i 30 anni di età, non sono fumatore, faccio una vita abbastanza equilibrata e sana e non faccio abuso di alcolici, solo saltuariamente in dosi moderate.
Vi rigeazio per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Può stare tranquillo, diciamo così, in quanto la fuoriuscita di sangue così come viene descritta deriva dalle sue gengive probabilmente ancora infiammate. Le consiglio di effettuare una accurata visita odontoiatrica in modo da verificare la presenza di problemi paroodontali e intervenire con la giusta terapia. La diagnosi di reflusso deve essere fatta con certezza solo attraverso una endoscopia gastrica.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 243XXX

Iscritto dal 2012
Salve e grazie per la risposta. Infatti avevo scartato, visti gli esami fatti, problemi a livelli polmonari, problemi a livello gastrico anche perchè a me sembrava strano che comunque il sangue risalga dallo stomaco cosi, se succede sapevo che avveniva tramite conati di vomito, in piu il mio medico affermava che se proveniente da stomaco doveva essere di altro colore definito da lui nero e non rosso.
L'otorino mi ha prescritto una cura per il reflusso, mi sembravva un po strano visto che non dovrebbe essere la sua materia, ma cè arrivato perchè vedendo la laringe rossa avrà dedotto problema di reflusso.
Mi consigliate quindi di rieffettuare visita odontoiatrica, anche se è stata fatta di recente e non aveva riscontrato altri problemi.
Aggiungo che la mia farmacista mi ha consigliato spazzolino ultra morbido per evitare sanguinamento e di evitare il colluttorio per non irritare la mucosa.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Oltre alla visita odontoiatrica, naturalmente una visita gastroenterica tramite endoscopia per essere certi di un eventuale problema da reflusso.
Saluti