Utente 486XXX
Gentili Dottori,
circa tre mesi fa ho scoperto di essere ipertesa e il mio medico, oltre alla cura per l'ipertensione, mi ha prescritto alcuni esami di routine che hanno evidenziato un'ipercolesterolomia (col. totale 261, HDL 53 e LDL 175). Visto che l'innalzamento del colesterolo non è causato dalla dieta (non mangio mai fritti, pochissimi grassi animali, pochi formaggi e uova, molta verdura/frutta) mi ha prescritto la cura con statine e un ecocolordoppler dei tronchi sovraortici.
A distanza di due mesi con le statine il colesterolo si sta normalizzando ma ieri ho eseguito l'ecocolordoppler, questo il risultato:
"l'esame dei vasi epiaortici evidenzia un inspessimento parietale diffuso con placche iperecogene debordanti nel lume. Le placche presentano superfici regolari e sono più evidenti su entrambe le biforcazioni carotidee e sulla rispettiva carotide interna. Sulla biforcazione carotidea destra una placca assume aspetto semicircolare e si estende anche sulla carotide interna dove provoca una stenosi massima del 30% circa. A sinistra le placche raggiungono lo spessore massimo di 1,3 mm circa ma senza provocare stenosiemodinamicamente rilevanti.
Al doppler CW le arterie oftalmiche sono pervie e con flusso normodiretto".
Purtroppo sono stata una accanita fumatrice (x 20 anni 40 sigarette al giorno) ma da circa un anno ne fumo 6/7 e a parte il fumo ho sempre condotto una vita sana e regolare. Non so se è importante ma da circa 10 anni assumo Imigran per una cefalea vasomotoria (al bisogno, 2/3 volte a settimana).
La mie domande sono queste: è possibile ridurre/sciogliere le placche? Riportando il colesterolo nella norma le placche possono comunque aumentare? Sarebbe indicato controllare altri distretti? E, per ultimo, mi devo preoccupare?

Ringrazio per la cortese attenzione.
Emanuela
[#1] dopo  
Prof. Raffaele Capoano
20% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Gent.le sig.ra,
la domanda assolutamente pertinente è "Sarebbe indicato controllare altri distretti?" La risposta è SI. E' indicato controllare in particolare l'aorta toracica e addominale. L'ecografia (ECD) è sufficiente nello screening della patologia aneurismatica dell'aorta addominale, per il tratto toracico un Rx può permettere di valutarne il profilo aumentato di calibro solo se calcifica mentre è adatta la TC che ora, in High Resolution, può esser fatta senza utilizzo del MdC e che, avendo lei fumato "gran parte del Monopolio di Stato" ... , non è sbagliato se facesse, Fatto ciò le preoccupazioni dovrebbero calare...
Sulle altre domande immagino lei già sappia la risposta, ma comunque la conforti sapere che le placche di cui lei è affetta sono ancora di lieve entità...
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 486XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Prof. Capoano,
la ringrazio per l'esauriente risposta. Farò gli esami consigliati.

Cordialmente
Emanuela