Utente 202XXX
Salve, è da un mese e mezzo che da un giorno all'altro, di colpo, ho iniziato a soffrire di insonnia. Sono un uomo e ho 21 anni, non bevo né fumo. Ho fatto tutti gli accertamenti del caso (analisi, tiroide, cuore), ed è risultato tutto a posto. Durante la notte spesso mi viene la tachicardia e mi sento troppo attivo, cossiché è impossibile rilassarmi e prendere sonno. Sono riuscito a risolvere momentaneamente il problema assumendo ogni giorno metà compressa di lobivon. In questo modo, i battiti del cuore si mantengono sempre bassi e la notte riesco a dormire. Tuttavia, ho constatato che se nel tardi pomeriggio faccio un'attività fisica pesante, pur assumendo il lobivon la notte mi sento "elettrico", ho la tachicardia e rimango sempre praticamente sveglio; insomma provo le stesse sensazioni che provo non assumendo il lobivon. Non è un problema di ansia, perchè quando mi metto nel letto non penso assolutamente a nulla. Ripeto, se prendo il lobivon e non faccio nessuna attività fisica durante il giorno la notte riesco a riposare bene. Se fosse un problema di ansia, anche assumendo il lobivon dovrei non dormire, no?
Quali sono le sostanze che vengono immesse nel sangue durante una pesante attività fisica? Ho l'impressione che il mio corpo produca tali sostanze in eccesso, provocandomi tachicardia la quale, a sua volta, non mi fa prendere sonno. Da quale specialista dovrei andare?
Grazie!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti
28% attività
20% attualità
12% socialità
TERNI (TR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente
è proprio come lei sospetta. L'attività fisica praticata nel tardo pomeriggio o la sera aumenta il livello di vigilanza e provoca insonnia, come se lei avesse bevuto uno o più caffè.