Utente 632XXX
Salve!
Sono un giovane appassionato alla birra di qualità, sto seguendo un corso di sommelier. Recenetemente, ho scoperto di avere reazioni allergiche ad alcune birre; i sintomi sonoi quelli dell'allergia primaverile: rinite, bruciore agli occhi, etc. Dopo una serie di prove e constatazioni, ho rilevato che le birre che suscitano tali reazioni sono tutte 'organiche' o 'biologiche'. Il che mi sembra strano, dato che in teoria proprio questi prodotti dovrebbero essere più sicuri. E' possibile che ci sia qualcose in esse che mi provoca allergia? Se invece la mia statistica è solo un caso, quale componente della birra può essere la causa? Esiste una cura, o almeno un palliativo? Si tratta di un fenomeno stagionale, o devo preoccuparmi anche in inverno?
Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Caro amico, scusi anzitutto se sarò un po' tecnico...
Anzitutto occorre fare attenzione ai lieviti, poichè questi a livello intestinali originano acido tartarico, capace di inibire l'enzima fumarasi e quindi impedire che l'acido fumarico si comnverta in acido malico. Ciò compromette la catena respiratoria cellulare, alterando il ciclo dell'acido citrico, o ciclo di Krebs. Questo prologo renderebbe ragione dei Suoi sintomi e quindi... più lieviti più guai. A presto.
[#2] dopo  
Utente 632XXX

Iscritto dal 2005
La ringrazio per la sua risposta; diciamo che ho dovuto rispolverare gli appunti di biologia, ma credo di aver capito bene. Mi restano però alcuni dubbi: possibile che i sintomi si presentino tanto rapidamente (due sorsi di birra e attacco a starnutire!)? Perchè certe birre causano reazione e altre no? Dipende forse dal tipo di lievito? Gradirei inoltre sapere se una riduzione del consumo di birra sarà sufficiente, oppure se c'è una cura che riduca le reazioni.
Grazie ancora!
[#3] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Certamente la reazione di risposta rispetta una certa individualità biologica. Meglio sarebbe eliminare i lieviti per almeno tre mesi, associando un catalizzatore - omotossicologico - del ciclo di Krebs: ACIDUM DL-MALICUM INJEEL - 1 fiala i.m. 3 volte la settimana. A presto.