Utente 128XXX
Salve Staff di Medici Italia, mi rivolgo a voi per i seguenti interrogativi. Nel mese di novembre ho effettuato una visita presso il medico di famiglia che mi ha consigliato una ecografia a livello scrotale per verificare ci fosse le presenza del varicocele. L'ecografia ha avuto esito positivo con relativo varicocele di forma lieve di primo grado con metodo di valsalva a testicolo sinistro. Allora una volta portata l'ecografia al medico mi ha rassicurato dicendo ch'è come una vena varicosa, ed è semplicemente da tenere sotto controllo. Mi ha detto ricontrollarlo a distanza di un anno. Dovrei andare a novembre, ma ci vado verso i primi di settembre, alla fine cambia solo qualche mese, nulla di chè. Vorrei dirvi che come cambiamenti sto avendo (esclusivamente nel periodo estivo), prurito in entrambi i testicoli molto frequente, e sto notando un lieve aumento delle vene, stavolta visibili anche nel testicolo destro. Mi date un vostro parere? Come dovrei muovermi? Posso stare tranquillo o no? Premetto che in età infantile, circa a 10 anni d'età (ora ne ho 19), mi operai per idrocele nel testicolo sinistro. Grazie in anticipo e cordiali saluti. Cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il varicocele ha la medesima difffusione delle emorroidi,anch'esse vene,che vivendo la stazione eretta,possono dilatarsi,ma non per questo...devono operarsi.Si opera chi soffre di emorroidi con stipsi,emorragie etc.Analogamente,il portatore di varicocele,in assenza di dolenzia e,principalmente,con uno spermiogramma (ben eseguito) tranquillizzante,non va operato (tantomeno se di primo grado).Io prurito non è un sintomo significativo.Segua i consigli dello specialista reale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Egregio dott. Izzo, frequentemente è lei che mi risponde, e mi trovo molto bene. Quindi vorrebbe dire che dovrei stare tranquillo? Il prurito allora a cosa si può attribuire? Nella giornata di oggi il prurito è stato stranamente assente. In definitiva, al posto del medico curante dovrei andare da un andrologo? Cordiali saluti e immensamente grazie per il tempo che lei mi dedica. Grazie infinite, cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...potrebbe trattarsi di una banale micosi fungina,favorita dal caldo e dall'umido.Ne parli con il medico di famiglia che Le prescriverà i rimedi idonei.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il varicocele ( la dilatazione patologica delle vene del plesso pampiniforme del testicolo sinistro) è una condizione vascolare di patologia venosa che è molto frequente ed in alcuni casi potrebbe portare ad alterazioni del liquido seminale tanto da determinare infertilità. Questo fenomeno è facilemente verificabile con l'esecuzione di un esame del liquido seminale.
se si dimostra o si suppone una correlazione varicocele-fertilità maschile allora può essere il caso di correggere il varicocele stesso. La dilatazione varicosa può indurre una serie di "fastidi" senso di peso, dolenzia alla regione inguinale, allo scroto, formicolii,....... fastidi che non giustificano una soluzione chirurgica del varicocvele stesso
si affidi ad un andrologo
cari saluti