Utente 266XXX
egregio dottore,io ed il mio compagno che ha 49 anni da circa due anni cerchiamo d far avverare il nostro piu grande desiderio....ovvero avere un figlio! L' anno scorso dopo un anno di tentavi abbiamo deciso di rivolgerci ad un andrologo specilista in riproduzione umana. il primo spermiogramma come diagnosi presentava: azoospermia con elementi della linea germinativa.a seguito di questo il mio compagno su prescrizione del medico ha iniziato vari cicli con il farmaco menagon se non erro per svariati mesi. il dottore ogni mese ci faceva ripetere solo lo spermiogramma e la visita e spesso veniva detto che la prostata si era ingrossata.in quasi tutti gli esami fatti risultavano sempre: leucociti, macrofagi, emazie, piociti, intensa flora batterica. Per circa un anno abbiamo continuato a fare la terapia prescritta dal medico al mio compagno e ripetendo mensilmente l' esame dello sperma e la visita. Il mio compagno per altro è uno sportivo ha fatto uso di sostanze dopanti circa 15 anni addietro dunque il livello di testoterone era alle stelle. nel suo passato però ha avuto due figli uno di 21 anni, uno di 15. Il medico ci disse che avrebbe potuto migliorare la situazione avendo già in passato avuto figli. Infatti la situazione sembrava migliorare di mese in mese. Già dal secondo spermiogramma il num di spermatozoi era 950.000ml. il terzo risultato 2.150.000ml il quarto 3.500.000ml Nell' ltimo a distanza dal penutilmo circa due mesi dopo la situazione sembrava di nuovo regredire ovvero il num di spermatozoi1.150.000ml. diagnosi:oligoastenozoospermia grave- teratospermia-ipoposia. leucociti macrofagi piociti sempre presenti. Le premetto che non ha mai sottoposto il mio compagno a nessuna ecografia ma gli ha sempre e solo fatto la visita rettale perchè diceva che i farmaci a base ormonale prevedessero un aumento della prostata. Su nostra richiesta gli abbiamo chiesto di effettuare anche un'ecotomografia endocavit aria.risultato: prostata in sede presenta i seguenti diamentri: DL 55ML; DT:50MM;DAP:43MM.nella scansione trasversale longitudinale la ghiandola mostra ecotessitura marcatamente dismogenea ed ipocogenea per la presenza di multiple areoleanecogene indicative di zone di flogosi a carattere congestizio. nel contesto del lobo sinistro ed in sede mediana si documenta una grossolana formazione nodulare solida isoecogena diametro max 37mm, meritevole di approfondimento diagnostico PET con m.d.c, o RM e marcatori tumorali. si segnala ectasia del plesso venoso periprostatico del santorini. veswcicole seminali di volume superiore alla norma ecostruttura marcatamente ipoecogena. Il medico c consigliò accertamenti il valore del PSA è SEMPRE ALTO. adesso un altro andrologo gli ha somministrato altri farmaci e hanno interrotto subito le cure ormonali di menagon che faceva da mesi e mesi ogni mattina intramuscolo.Adesso siamo molti confusi e preoccupati non sappiamo a chi rivolgerci ea cosa credere.potremo ancora sperare di avere un figlio? grazie anticipatamn

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,mi sembra di capire che il econdo specialista abbia consigliato un doveroso approfondimento diagnostico legato al quadro prostatico che offre dei dubbi che vanno ben aldilà del potenziale di fertilità espresso dai numeri e percentuali offerti dallo spermiogramma.Credo che le terapie dopanti abbiano inciso negativamente ma non ci trasmette i valori relativi allo FSH,LH,17 beta estradiolo e testosterone,nonchè dei markers tumorali.In attesa di aggiornamenti,La saluto cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la cortese risposta.questi risultati effettuati tempo addietro purtroppo non li abbiamo sono rimasti al medico che ci seguiva prima. Involontariamente non abbiamo fatto una fotocopia e non siamo nemmeno certi di aver mai effettuato questo tipo di esame. l'unica cosa che ricordiamo con certezza era il valore alle stelle del testosterone dovuto alle sostanze anabolizzanti usate in precedenza anni addietro circa 10 anni fa, per sostenere le gare di cui faceva parte il mio compagno. Da allora in poi mai più utilizzate, così il primo andrologo diede la cura ormonale con il farmaco di cui le parlavo MENAGON se non erro che faceva intramuscolo per circa 6/ 7 mesi.Tramite questo farmaco il numero di spermatozoi aumentava e lui ci diceva di continuare con questa terapia ma l 'ultimo esame lo spermiogramma diede risultati spiacevoli ovvero un peggioramento una diminuzione drastica del numero di spermatozoi così gli fecero fare l ecografia trasrettale e da lì poi il risultato di cui sopra le riportavo la diagnosi. Attualmente il secondo andrologo vedendo il PSA sempre più alto della media ha somministrato PROSCAR 5MG.1 compressa al dì. Il nostro medico di famiglia ci ha consigliato di abbandonare tutti questi dottori che oltre a non lasciarci soddisfatti hanno una grande pretesa economica. Ma se almeno fossimo riusciti a venirne a capo di questa situazione avremmo speso bene i nostri soldi, in questo modo abbiamo solo una grande confusione. C'è stato consigliato di rivolgerci ad uno di questi centri che si occupano di fecondazione assistita in quanto secondo anche il parere del primo andrologo gli spermatozooi sono pochi in più cn l'ipertrofia prostatica sarebbe impossibile ottenere un concepimento in modo naturale! Oltretutto non possono più bombardarlo con le cure ormonali perchè ci vien detto che queste non fanno altro che peggiorare la situazione prostatica! e non facendole il numero di spermatozooi rimarrà basso quindi in sintesi niente figli! Le chiedo di farci se le è possibile un pò di chiarezza in tutta questa vicenda che ci sta logorando, non sapendo più a chi e a cosa credere e da dove iniziare nuovamente?questi centri di cui si parla sono realmente attendibili o sono solo un'altra fonte di dispendio economico senza alcun risultato? E ancora le chiediamo è davvero reale il fatto che in queste condizioni escludendo il tumore alla prostata non si possano concepire figli in modo naturale per la scarsità del liquido seminale? La ringraziamo di cuore per aver accolto la nostra richiesta! DISTINTI SALUTI...
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Utente,la storia che ci ha trasmesso evidenzia una grande confusione,legata sia alle strategie
diagnostico/terapeutiche che agli approfondimenti spontanei,probabilmente mutuati da internet...
In buona sostanza cercherei di seguire i consigli di un esperto andrologo con esperienze certificate nel campo della fisiopatologia della riproduzione e che valuti con molta più attenzione gli aspetti legati alla età del Suo partner ed al quadro prostatico che merita un approfondimento diagnositco.I valori espressi dagli spermiogrammi eseguiti sono da considerarsi sovrapponibili e,comunque,fortemente deficitari,per cui la gravidanza,sia spontanea che dopo PMA,è da considerarsi poco probabile.Cordialità.