Utente 270XXX
Buonasera, sono una ragazza di 24 anni, peso 40 kg e sono alta 157 cm. E' da circa un mese che ho iniziato ad avvertire strani sintomi: mi accade di sentire il cuore battere fortemente nel petto con conseguenza mancanza del respiro per qualche secondo,poi scompare. Si è aggiunta inoltre tachicardia che mi accompagna per quasi tutta la giornata e avverto del dolore al petto,dolore assolutamente sopportabile ma presente. Ho fatto una visita cardiologica (non sotto sforzo) dove, oltre alle extrasistole e alla tachicardia non è stato riscontrato nulla di anomalo. Ho inoltre effettuato degli esami: emocromocitometrico,AT3 funzionale,glicemia,creatininemia,sodiemia,potassiemia,AST,ALT,GGT,colesterolo totale,colesterolo HDL,sideremia,calcemia,fosforo,TSH,FT3,FT4,cortisolo, tutti i valori sono nella norma. Come mai dunque questi sintomi persistono? Mi consiglia di fare ulteriori controlli? La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le extrasistoli sono spesso piccole aritmie benigne che possono anche dar luogo a sintomi, come nel suo caso, ma non sono preoccupanti (almeno nella maggior parte dei casi). La tachicardia, invece, se non è una vera e propria aritmia (e dall'ECG è possibile stabilirlo), se è motivata va considderata fisiologica. Ora lei solo può sapere se i battiti accelerati sono motivati o meno. Dalle indagine che ha fatto non emerge nulla che faccia pensare ad una tachicardia sinusale secondaria (ossia un'accelerazione del battito per cause extracardiache, come ad esempio in caso di anemia). In ultima analisi, se la tachicardia è sinusale e immotivata si parla di tachicardia sinusale inappropriata che và considerata invece una vera e propria aritmia e come tale và trattata.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore, la ringrazio per la sua immediata disponibilità. Ho dimenticato di precisare che non sono fumatrice, ne bevo alcolici, inoltre non sono una persona particolarmente ansiosa ne in questo momento della mia vita ci sono circostanze particolari che mi spingano ad avere uno stato di ansia. Tali sintomi si sono presentati dunque senza che alla base vi sia una circostanza emotiva da giustificarli.
Vorrei chiederle se è il caso che io mi sottoponga ad altra visita cardiologica.
La ringrazio

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'ansia non è causa di extrasistolia in maniera indipendente, ma può facilitarla in soggetti predisposti. Quindi l'extrasistolia può presentarsi anche al di fuori di stati ansiosi. A volte può essere l'espressione di uso o abuso di sostanze eccitanti, ad esempio il caffè o le sostanze gasate o può essere facilitata da un'ernia iatale o difficoltà digestive. Assume importanza solo se la struttura e la funzione del cuore non sono normali, ma non mi sembra questo il suo caso (un ecocardiogramma, se non è già stato effettuato, può confermare l'assenza di problemi cardiaci).
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 270XXX

Iscritto dal 2012
Non faccio uso di sostanze eccitanti, ne ho difficoltà durante la digestione. Non sono stata sottoposta ad alcun ecocardiogramma, la settimana prossima farò un'altra visita cardiologica più completa per poter escludere qualsiasi eventuale problema.
La ringrazio per la sua attenzione.

Cordialmente