Utente 271XXX
Un saluto ai Gentili Dottori del sito,
sono un ragazzo di 30 anni con una formazione di nevi strani (circa 7 di forme varie e particolari) , tutti circoscritti in un punto del dorso sinistro che coprono un area di circa 4 o max 5 cm in altezza x 3cm di lunghezza ,
presenti da che ho memoria (anche se i miei genitori affermano che non li avevo alla nascita) non li ho mai fatti controllare , ne , visto che sono in una zona a me poco visibile , ho mai fatto caso ad eventuali transformazioni.
essendo poi di origine afro-asiatica (fototipo 5 se non erro) , non avendo familiari con problematiche cutanee serie e soprattutto non amando(e non avendo necessità) di stare molto al sole, non pensavo (credo sbagliando) di dover temere melanomi e simili.

due settimane fa ho avuto dei fastidi (non dolore) sulla schiena nella parte alta del dorso, non sulla zona dei nevi ma neanche molto lontani, che sembran però essersi risolti nel giro di una settimana.
tale evento mi ha portato, un po' per paura (visto poi che pochi anni fa ad una mia amica è stato diagnosticato un melanoma) ad informarmi maggiormente sulla natura dei nevi, e delle malattie legate a quest'ultime trovando cose molto informative ma anche molto inquietanti.
mi ha particolarmente colpito la natura tremendamente subdola dei melanomi, praticamente asintomatici se non in fase metastatica, ed altamente devastante se non presi in tempo..
La settimana scorsa ho quindi effettuato una prima visita dal medico di base, che mi ha detto di non veder nulla di particolarmente allarmante.mi ha però prescritto comunque una visita dermatologica non avendole mai fatte prima.
ho effettuato quindi la visita specialistica (dietro consiglio di quella amica che purtroppo ha avuto a che fare col melanoma, ho prenotato direttamente la dermoscopia in clinica privata)
La dottoressa , alla prima occhiata mi ha detto che si trattava di un nevo congenito medio e di non dover temer nulla di particolare, ha quindi effettuato l'osservazione di tutti i nei presenti sul mio corpo (meno di 10 tutti piccoli tondi e chiari) ad occhio nudo e poi ha osservato con la macchina dermatocsopica vidix la formazione di nevi sul dorso del quale parlavo prima.
mi ha quindi dato le foto e mi ha prescritto un secondo controllo tra sei mesi visto che non ho mai fatto controlli prima d'ora.

dopo la visita mi son sorte un paio di domande però (ahimé durante ero troppo preoccupato da un possibile referto preoccupante per far funzionare bene il cervello).
volevo quindi chiedere a voi (visto che un po' di preoccupazione mi rimane) se il fattore trasformazione nel tempo sia un fattore importante da riferire al medico che mi visita? provo a spiegarmi meglio,di mio non saprei dire se negli ultimi anni, mesi, o addirittura settimane, son cambiate le forme (vista anche la loro stranezza) o il numero dei nevi strani che ho sul dorso, tale omissione (mea culpa) può essere limitante per il medico nell'effettuare le proprie valutazioni?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
il fenomeno della trasformazione degli elementi melanocitari cutanei è un elemento importante che può aiutare lo specialista a rafforzare il sospetto diagnostico. Tuttavia non è l'unico parametro che ci serve: tutti i nevi infatti si modificano lievemente nel corso degli anni tendendo a scomparire in un periodo più o meno lungo. Se lei fotografasse la sua schiena oggi, verosimilmente tra 20 anni potrà notare una enorme differenza per quanto concerne la morfologia dei suoi nevi.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 271XXX

Iscritto dal 2012
ho capito e la ringrazio molto di aver dedicato parte del suo prezioso tempo alla risposta del mio quesito.
rinnovando i miei più cordiali saluti colgo anche l'occasione per esprimere grande stima per quello che fate sia come Medici che in questo sito.