Utente 132XXX
gentili dottori,vi scrivo per avere un'ulteriore consulto sulla mia delicata situazione.Ho 24 anni e sono affetta da fibrosi cistica; Dall'età di 16 anni ho iniziato a provare disagio nel farmi fotografare a causa della forma del mio naso(comunemente definito "a patata" e con un piccolo,piuttosto trascurabile,gibbo).Crecendo mi si è accentuato ed sempre la prima cosa che si nota sul mio viso,creandomi imbarazzo e timore anche nei rapporti con i ragazzi.Penso da anni ad un intervento di rinoplastica.Mi sono rivolta a vari chirurghi estetici i quali mi hanno confermato che bisogna sopratutto restringere le cartilagini alari e limare minimamente il gibbo.Il problema per me risiede nell'anestesia...ho una spirometria di 60%,circa,ovviamente sono colonizzata da p.aeuriginosa e faccio fisioterapia ogni giorno.Assumo antibiotici in caso di riacutizzazione.Gli anestesisti che mi hanno visitata hanno detto che posso fare sia l'anestesia totale che la locale con sedazione cosciente,preferendo quest'ultima in quanto la correzione è mirata principalmete alla punta(e leggera limita al gibbo).Mentre l'anestesia totale è conosciutissima,la locale con sedazione cosciente lo è di meno e andando ad informarmi ho saputo che i farmaci usati nella sedazione sono depressori della respirazione.Sono rimasta interdetta e non so quale scelta fare;Ed inoltre vorrei anche sapere se è possibile non fare questa sedazione e operare con la sola iniezione locale o assumere blandi sedativi per bocca.In questo modo potrei sentire dolore? fanno anche un anti dolorifico in vena? vorrei certamente porre fine al mio disagio,che mi tormenta da anni,ma in sicurezza e tranquillità avendo un margine di rischio non troppo alto.Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, la Anestesia Locale viene effettuata con delle infiltrazioni di Anestetico Locale per via transnasale, che definirei a dir poco "fastidiose" senza una contemporanea sedazione, come del resto tutto l'intervento: non si sente dolore perchè c'è la A. Locale, ma si sente "lavorare nel naso". E' vero che i farmaci usati per la sedazione sono depressori del respiro, ma solo in sovradosaggio. Tali farmaci vanno somministrati da mani esperte e sotto monitoraggio completo e tale rischio è così ridotto praticamente a zero. In ogni modo si affidi ai consigli ed al giudizio del suo anestesista: forse per Lei sarebbe preferibile non eseguire una Anestesia Generale, ma non le consiglio una A. Locale senza sedazione, che del resto è usatissima in questo ramo della chirurgia.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille dottoressa!