Utente 183XXX
Inanzitutto, buonasera a tutti i dottori che potranno rispondermi,da circa due anni ho dei sintomi che mi stressano parecchio. Premetto che ho 28 anni ed ho condotto per qualche hanno una vita sregolata, da 5 anni convivo e da due anni sono sposato, in seguito ad una misurazione della pressione del tutto casuale risultata 140 - 90 , è iniziata la mia odissea, inziano dei dolori al petto che vanno da sinistra a destra e alle spalle, mi arrivava la tachicardia,e dovevo cercare di calmarmi in qualche modo, anche un mal di testa con sensazione di pressione alle tempie mi provocava tachicardia,ogni singolo dolore mi provocava tachicardia e stordimento, dopo un ecg e le analisi del sangue che ho dovuto fare per un piccolo intervento (asportazione ciste sebacea sotto la palpebra) mi risultava tutto nella norma, tranne la tachicardia 90 bpm perchè ero agitato, la dttoressa che mi ha eseguito il test, mi ha detto che era tutto nella norma di non preoccuparmi,anche il mio dottore di famiglia mi dice che si tratta di ansia, e mi ha detto di usare alprazolam al bisogno, devo essere onesto, dopo questi consulti mi sono alquanto tranquillizzato,da un po di tempo, invece le mie ansie si sono fatte vive sotto un altra forma,dei strani spasmi nel petto che mi provocano stordimento,appena passa arriva la tachicardia, che mi fa sbiancare e da li parte il panico, piu assoluto,volevo chiedere visti gli esami negativi,devo preoccuparmi? o questi spasmi possono essere provocati,dal reflusso gastroesofageo,che ho da quando sono piccolo??? visto che comunque la tachicardia si placa sopo forti eruttazioni e forti scoreggie che mi danno sollievo???scusatemi per il testo lunghissimo, ma ho voluto essere abbastanza preciso, grazie tante a tutti per il magnifico servizio. Buon lavoro. PS: conduco una vita stressante, sono agente immobiliare.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Quello che trapela dalle sue parole fondamentalmente è un problema di forte ansia e forse un pò di ipocondria...Non credo assolutamente che abbia problemi con il cuore e forse un aiuto può riceverlo più dall'area psicologia di MI che non da noi ardiologi.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la celere risposta dottore,quindi lei non pensa che siano dovuti al cuore questi tonfi che io avverto veramente,e che mi danno un senso di sbandamento? io spero tanto che non si tratti del cuore, se fosse il cuore avrei avuto problemi gravi, dopo tanti mesi di sintomi? spero mi risponda, buon lavoro.
[#3] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
dottore mi può rispondere appena può alla domanda precedente? grazie infinitamente. Buon lavoro.
[#4] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
I tonfi come lei li chiama possono essere banali extrasistoli, ma l'accelerazione delbattito è un'altra cosa...lei non veste i panni del cardiopatico...ascolti i consigli...tratti l'ansia...
Saluti
[#5] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Grazie ancora per la risposta dottore, le sue parole mi danno conforto,proverò quando ho questi sintomi visto che non si tratta del cuore a mettermelo in testa, vorrei evitare di prendere ansiolitici, vorrei potercela fare da solo. Grazie ancora è stato gentilissimo,buon lavoro.