Utente 280XXX
Buongiorno,
sono roberto ho 29 anni.
Vi scrivo perché sono un po’ preoccupato per la mia situazione.
Ho sofferto nella prima infanzia di testicolo ritenuto poi corretto chirurgicamente alla tardiva età di 7 anni, sfortunatamente il testicolo però è rimasto ipotrofico.
Non ho mai avuto problemi solo che ultimamente ho notato una oggettiva perdita di volume e di contro un certo aumento di massa del testicolo sano, mi sono precipitato tre settimane fa ad una visita andrologica che ha escluso tramite ecografia problemi di qualsiasi tipo, segnalando solo ipotrofia destra…
Ho ripetuto per mio conto l’ecografia per conto mio dopo altri 15 gg e ancora nessuna patologia.
In questo momento il testicolo normale si è praticamente posizionato al centro dello scroto e il ritenuto è quasi dietro a quello sano e fatico a palparlo, cosa che è nuova, che mi sta succedendo?
Ho letto qui numerosi consulti di ragazzi criptorchidi e così ho chiesto al mio andrologo se non fosse il caso di eliminare il testicolo piccolo, mi ha detto di no.
La domanda è, a cosa può essere dovuta questa perdita di volume? È una cosa patologica? Che devo fare? Sono spaventato e confuso.
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aldilà della contrazione volumetrica,negata dalle ecografie e dall'andrologo,non ci fornisce alcun dato circa il quadro seminale che è l'unico parametro funzionale,assieme a quello ormonale,che testimonia il benessere testicolare.Quanto alla rimozione del testicolo residuale,lascio alla competenza di chi ha il privilegio di poterLa visitare,di decidere in merito.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

penso che più che di ipotrofia si parli di una atrofia e per questo è necessario sapere almeno alcuni dati dell'ecografia come il volume e le caratteristiche ecogenetiche e morfologiche del testicolo atrofico. Inoltre per un corretto inquadramento è necessario valutare l'integrità dell'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi con l'esecuzione di alcuni dosaggi ormonali (FSH, LH, Estradiolo, PRL, Testosterone totale) ede infine una valutazione della funzione riproduttiva attraverso uno spermiocitogramma.

Un cordiale saluto
[#3] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
Riporto qui di seguito tutti i dati in mio possesso:
Ecografia:(isituto nazionale dei tumori di Milano, Dott. Torelli)
In considerazione dell'esame obiettivo (significativa ipotrofia testicolare destra senza aree sospette) si esegue esame ecografico che mostra una discreta riduzione del diametro massimo (1.71 cm) del testicolo destro ma non reperti in senso morfologico, Nulla a carico del testicolo sinistro.
(aggiugo io che sull'ecografia si vede il testicolo con delle crocette in larghezza e lunghezza con segnate queste misure D:1,29cm D1 2,05cm)

Spermiogramma:
ESAME MICROSCOPICO:

24 milioni/ml riferimento >20

Num.spermatozoi
67 milioni rif. >40

Motilità sperma:
Progressiva rettilinea a 60min. 12% rif. 25-100
Progressiva non rettilinea a 60min. 25%
Progressiva Totale 37% rif. 50-100
In situ a 60min. 13%
immobili a 60min. 50%
motilità totale a 60min. 50%
Progressiva rettilinea a 120min. 10%
Progressiva non rettilinea a 120min. 20%
In situ a 120min. 20%
immobili a 120min. 50%
motilità totale a 120min. 50%
Vitalità a 60min 62% rif. 50-100
Morfologia:
Forme normali 35% rif. 30-100
Forme patologiche 65%
Gocce citoplasmatiche >1/3 della testa normale 2%
Cellule rotonde 2milioni/ml rif. <5
cellule germinali immature 2 milioni/ml

No cellule di sfaldamento, no eritrociti, no detriti, no cristalli, no batteri e protozoi

Esame immunologico
spermar IgG test diretto <10 %particelle adese rif. <10

Ora, le mie domande sono queste, a cosa può essere dovuta la perdita di volume e il contemporaneo ingrossamento del testicolo sano? L'urologo non ha termini di conforonto con altre ecografie e quindi non può rispondermi sull'effettiva diminuzione del volume?
In ultimo come devo muovermi ora? che devo fare? Il testicolo piccolo mi preoccupa molto, ma anche dietro ad insistenza per rimuoverlo, non mi è stato dato ascolto.
E' consigliabile sentire altri pareri per valutare la situazione?
Ho paura di tumori testicolari, al momento la fertilità non mi preoccupa in quanto non è nei miei progetti avere figli per ora.
Saluti e grazie
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,vedo che continua ad avere le idee molto confuse e,pertanto,Le ricordo che,mentre il pericolo di un tumore è molto remoto,una maggiore e progressiva regressione del potenziale di fertilità è
molto realistico e andrebbe affrontato quanto prima.Persistendo questo atteggiamento,conviene consultare un esperto andrologo che saprà coniugare gli aspetti preventivi oncologici con quelli legati alla fertilità futura.Cordialità.
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gli esami che ci propone sono privi di attendibilità, infatti l'esame seminale per essere attendibile e quindi confrontabile deve seguire i criteri dell'Organismo Mondiale della Sanità (WHO) ed il suo non lo segue, inoltre non ci è ancora chiaro qual è la dimensione dei suoi testicoli che fino a prova contraria vengono misurati in volumi, e non indicando il diametro massimo come è il suo caso. Oltre a questi dati è comunque necessario avere una situazione dell'integrità dell'asse ipotalamo-ipofisi-gonadi con i dosaggi ormonali che le avevo precedentemente consigliato.

Ancora cordialità
[#6] dopo  
Utente 280XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno dottori, sono stato dal mio urologo all'istituto dei tumori a Milano per mostrargli l'ecografia..poi preso dall'ansia il giorno successivo gli ho mandato una mail per spingere ad asportare il testicolo ex ritenuto a scopo profilattico, questo è ciò che mi ha risposto, vorrei sapere se condividete:

"Caro Roberto
come ti ho già spiegato più volte il tuo è un problema più di ansia che fisico.
I pazienti criptorchidi con testicolo ipotrofico sono numerosi, ma in questi casi nessuno si sogna di togliere un testicolo solo perché più piccolo.
Questo lo affermo senza alcun problema, in quanto il tuo è un testicolo sicuramente più piccolo, ma è sano e senza aree sospette ecograficamente all’interno. Il tuo è un rischio statistico più alto, non un reale rischio. In altre parole FORSE un giorno potrai avere un tumore testicolare ma certamente nessuno (ovviamente serio) lo mette per iscritto. Tieni conto inoltre che, allontanandoti dalla pubertà, il rischio si riduce man mano.
Il tuo quadro a livello seminale è al limite della fertilità ma il giorno che tu e la tua compagna deciderete di avere figli ci sono diverse opportunità per migliorare la situazione.

In considerazione di ciò la cosa più seria è un periodico controllo ( ogni 6-8 mesi) della ecografia testicolare associandola, se vuoi, ai markers oncologici del testicolo.

Essendo il tuo un rischio statistico, se bastasse questo a fare una orchiectomia dovremmo impedire alla gente di fumare ( per il tumore al polmone) o di mangiare ( per il rischio di infarto in persone sovrappeso).

Stai sereno.

Vorrei la vostra opinione.
Grazie
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...credo che la lettera trasmessa esprimi in pieno i concetti da noi esplicitati.Si tranquillizzi e si allontani dal web.Cordialità.
[#8] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

mi sembra che le conclusioni del collega urologo siano assolutamente corrette.
E' normale che un testicolo riportato in sede scrotale chirurgicamente possa andare incontro ad un processo di ipotrofia che potrebbe portare alla quasi sua "scomparsa".
Il testicolo normale potrebbe anche avere un processo di ipertrofia "vicariante" , testimoniata dall'esame del liquido seminale che mostra un buon numero di spermatozoi . Il fatto che abbiano motilità ridotta
potrebbe essere meglio indagato con altri esami del liquido seminale, eami colturali ed immunologici.
Esistono anche teorie che sostengono che un testicolo riportato in sede scrotale chirurgicamente potrebbe innescare processi autoimmuni capaci di alterare la motilità degli spermatozoi prodotti dal testicolo normale.
E' mia opinione che possa essere corretto asportare un testicolo come il suo se si sospetta una azione negativa autoimmune sul testciolo sano e se la grave ipotrofia costituisca un importante stato di disagio estetico, relazionale per il paziente.
Sicuramente non esiste indicazione alla asportazione chirugica del testicolo solo sulla base di una ipotetica, possibile, degenerazione neoplastica
cari saluti
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
la miglior cosa come sottolineato dal suo specialista, è un monitoraggio con ecografia testicolare da eseguirsi periodicamente eventualmente associato ad un esame seminale eseguito secondo i criteri WHO 2010.

Ancora cordialità