Utente 235XXX
Dopo innumerevoli tentativi con cure varie, che non hanno risolto affatto miei annosi problemi (sonno disturbato, leggera sindrome ansioso-depressiva. Stanchezza psicofisica, intestino molto sensibile ed infiammato e colon irritabile, presenza di diverticoli…) ho deciso di intraprendere la via omeopatica. Dopo una accurata visita, vega test ecc. , dove sono venuti fuori effettivamente questi problemi, la Dott.ssa mi ha prescritto la seguente cura: 2 fiale a settimana di :KALIUM CARBONICUM FORTE N- IGNATIA-APIS-LYNDIARAL; 1 fiala a settimana di NUX VOMICA; 70 gocce al giorno di TILIA TOMENTOSA; 1 tappo dosatore al giorno di TONICO GUNA.
Sono in cura da 15 giorni e devo dire che in generale mi sento già meglio, solo che da quando ho iniziato ho sempre un doloretto costante all’addome destro, da appena finiscono le costole in basso, abbastanza fastidioso ma non eccessivo e di intensità variabile. In passato ho avuto doloretti simili in varie occasioni ma di minore entità e durata. Mi hanno sempre detto che si trattava di infiammazioni del colon. Ho chiamato la Dott.ssa che mi ha dato la cura omeopatica la quale, premesso il fatto dell’aggravamento omeopatico che di solito si ha all’inizio della cura stessa, mi ha detto intanto di dimezzare o staccare momentaneamente il KALIUM CARBONICUM e vedere come va, perché la cura che mi ha dato è abbastanza forte.
Pertanto sono a chiedere un parere complessivo e soprattutto per eliminare questo fastidioso doloretto all’adddome destro.
Grazie mille.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
in considerazione della sintomatologia esposta la terapia impostata appare sostanzialmente corretta.
Il sintomo addominale descritto non risponde alle caratteristiche di una condizione infiammatoria, quanto piuttosto ad un disturbo funzionale della flessura epatica del colon; è utile la valutazione clinica (visita medica locale). E' verosimile che si risolva spontaneamente dopo l'aggiustamento posologico descritto, in alternativa il suo medico potrà ricorrere a farmaci omeopatici più mirati (es. Cuprum met.) nella diluizione e nella frequenza di somministrazione più opportuna per lei.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2006
Grazie Dott. Scuotto, le volevo precisare che faccio l'ecografia addome completo ogni anno ( da rilevare steatosi epatica e meteorismo colico) e ho fatto due colonscopie, l'ultima lo scorso anno a seguito di diverticolite, infatti mi hanno trovato molti diverticoli nel sigma e un piccolissimo polipo poi eliminato. Faccio questi controllo anche perchè mio padre ha avuto un tumore al colon retto e mia madre ha avuto una rettocolite ulcerosa. Mi può dire qualcosa di nuovo? Grazie
Sono convinto che questo disturbo attuale sia dovuto alla cura omeopatica, ma non si sa mai se per coincidenza sia intervenuta qualche altra problematica.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la presenza di diverticoli nel sigma può accompagnarsi all'insorgenza di disordine motorio del colon e la presenza di meteorismo lo può confermare. Questa situazione può esser responsabile della sintomatologia dolorosa attuale descritta in precedenza.
Una riduzione della pressione addominale, determinata da eccesso di peso, può essere di giovamento.

La pregressa situazione di diverticolite può farle distinguere la sintomatologia completamente diversa in questo caso.

Per quel che riguarda la situazione familiare, la colonscopia effettuata è in grado di escludere ragionevolmente le due patologie considerate.
Cordiali saluti.