Utente 767XXX
Buonasera,
domani ne parlo con il mio medico ma vorrei anche una vs cortese parere in merito.

il mio percorso è iniziato il 10 gennaio quando mi sono svegliato la mattina con il dito medio della mano dx gonfio, senza motivo apparente, ma NON il classico gonfiore a salsiccia ma solo nella parte superiore tanto che riuscivo a chiudere completamente il dito senza problemi, curato con pomata.
quindi in seguenza:
- Dolori articolari, tutti dita e polso mano dx (sulla sx nulla) e articolazioni spalle, ginocchia caviglie
- Dolori muscolari, la sensazione è quella di un post-allenamento
- Tendini
poi, questi veramente importanti per il dolore:
- Dolore e Gonfiore cartilagine Naso con gonfiore esteso anche all'occhio costantemente arrossato
- a seguire, dopo guarigione naso, Infiammazione del padiglione dell'orecchio Sx, molto doloso, gonfio e arrossato, linfonodi retroauricolari gonfi
- a seguire, dopo guarigione orecchio, Infiammazione del padiglione dell'orecchio Dx, molto doloroso, gonfio e arrossato, linfonodi retroauricolari gonfi

fra una ricaduta e l'altra al massimo sono stato bene una settimana.

sono stato curato dal mio medico con antibiotici dall'inafiammazione al naso in poi, e dopo visita Otorino con cortisone (inizio cura di 7gg di cortisone dopo circa 4/5gg dall'inizio cura antibiotici con già marcati miglioramenti), ancora oggi sono in cura. Devo dire che l'effetto dell'antibiotico era praticamente immediato, ovvero già alla prima compressa i dolori al naso ed ai padiglioni diminuivano decisamente

il tutto accompagnato da affaticamento fisico, ancora oggi i muscoli delle gambe, in particolare a riposo, mi danno la sensazione di post-allenamento e sento residui micro-dolori articolari e tendinei.

Analisi del Sangue:
1. Analisi unici valori fuori posto sono VES 25, GGT 255, PCR 2,75 (max 075)
2. con naso guarito, tutti rientrati nella norma
3. prima di iniziare la cura per l'infiammazione all'orecchio dx a distanza di 15gg dalla fine della cura per l'orecchio sx VES 12, GGT 26, PCR 1,43 (max075)
Malattie Autoimmuni: NEGATIVE

Vengo al punto scusatemi se sono stato un pò lungo.

Faccio attività regolare in palestra 3/5 gg settimana includo molta PISCINA, AREA RELAX (Idromassaggio, Sauna, Bagno Turco).

Porto lenti a contatto (non sempre giornaliere), avvolte per la tipologia di allenamento che svolgo posso avere lievi abrasione sulle dita delle mani (parte superiore)

Leggendo un articolo sono venuto a conoscenza di tale batterio farmaco resistente molto presente in ambienti umidi, quindi sono a chiedervi:

Ie mie patologie sono compatibili con tale batterio?
che tipo di analisi devo fare per identificarlo?

oppure, si può trattare di una forma allergica? (a mia conoscenza non sono allergico a nulla)

Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
quanto descrive sembra inquadrabile in una policondrite. Se questa ipotesi corrisponde alla diagnosi posta dai colleghi, si tratta di una malattia su base autoimmune. In tal caso il batterio al quale ha fatto riferimento (che può essere anch'esso responsabile di condriti su base, appunto, infettiva), è fuori gioco.
Se non ha ancora provveduto, apparirebbe opportuna una valutazione reumatologica (o immunologica).
Saluti,
[#2] dopo  


dal 2013
Grazie dottore,
Policondrite...ufff! malattia non curabile comunque cronica, se non erro!

Sono stato dall'immunologo, mia ha diagnosticato sindrome di Reiter, non ho ancora fatto l'analisi genica per la ricerca dell'antigene presente nella magior parte dei casi.

La cosa che l'immunologo non riesce a spiegarsi è la remissione totale, e ripeto totale, dei sintomi a seguito della cura antibiotica, certo dopo circa 7/10gg ci sono delle ricadute, ma con cura antibiotica ogni sintomo scompare.

oggi sono in cura solo con cortisone, iniziato circa 7gg prima della fine della cura antibiotica che è durato curca 20gg, e da circa 6gg ho terminato l'antibiotico, dalla fine della terapia antibiotica, durante la quale non avevo alcun sintomo o se presente veramente minimale, ho accusato un aumento dei sintomi, certo non ricadute importanti come prima in quanto immagino che il cortisone abbia comunque efficacia nel controllo dei sintomi, ma comunque oggi sento:

- Bruciore interno alla spalla DX (mai avuto prima)
- Bruciore lato esterno coscia sx (parliamo metà del femore) con sensazione alterata della pelle, il bruciore è forete se seduto o sdraiato minimale se in movimento.

questi sono i principali sintomi che si sono presentati dopo la fine della cura antibiotica è in corso la cura cortisonica.

Inoltre ho fatto la visita oculistica mi ha diagnosticato una congiuntivite.

Fatto una ortopanoramica, mi è stato riscontrato una 'osteolisi mascellare a bordi netti presumibilmente di natura cistica', lunedì provvedo ad approfondire.

Grazie!
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Certi antibiotici esercitano anche un'azione immunomodulante, talora davvero sorprendente.
Ci aggiorni, se vuole.
Saluti,