Utente 284XXX
Salve,mio nonno giovedì sarà ricoverato x eseguire l'intervento di neoplasie all'uretra,e proprio da quel giorno finisce la cura con aricept (x la cura di alzheimer)x sostuirlo con l'ebixa,dopo aver fatto una visita cardiologica in quanto ha problemi al cuore dopo aver subito vari interventi.bypass,angioplastica e un infarto...e questa pillola(ebixa) da un altro medico cardiologo e leggendo anche su internet può dare problemi,tipo rallenta la frequenza cardiaca,però l'ultimo cardiologo ci ha detto che può assumerla,ora mi chiedo è il caso di fargliela assumere proprio quel giorno?può dare problemil'anestesia l'indomani?!ho richiesto un consulto anche cardiologico qui ma sono pieni di richieste e non me l'accetta,sono un pò preoccupata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, lei non ha fatto la cosa più importante, ossia la visita anestesiologica. Solo l'anestesista che si occuperà del nonno, dopo averlo visitato e aver preso visione di tutti gli esami e le terapie assunte, potrà dare non solo un giudizio valutativo di rischio anestesiologico, ma precise indicazioni su cosa assumere e cosa no.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Salve e grazie della risposta!ovviamente il giorno prima come sempre passerà l'anestesista per valutare tutto,però mi chiedevo se secondo il suo parere e la sua competenza può dare rischi o meno e se è il caso di richiedere al cardiologo...
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, le ripeto che l'unica persona idonea a giudicare il rischio è un anestesista e sarebbe meglio che vedesse il nonno prima del giorno dell'intervento poichè allora sarebbe troppo tardi per eventualmente intervenire sulla terapia e/o richiedere esami aggiuntivi e potrebbe anche rimandare l'intervento. Ovviamente il parere del cardiologo curante ha il suo rilievo ma in tandem con l'anestesista e non da solo.
Certamente il rischio anestesiologico del nonno da quanto ci scrive è sicuramente aumentato, e forse cambiare la terapia propio quando deve essere operato potrebbe non essere una buona idea senta anche il curante per vedere se si può procrastinare tale "cambio".
Spero di essere stata chiara, saluti.
[#4] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Le altre medicine sono state già valutate precedentemente in pre-ricovero,con vari esami,raggi e consulenza cardiologica ,il dubbio è venuto a me con l'ebixa,perchè la terapia resta uguale poi ,l'anestesista lo vedrà il giorno prima ovviamente,e vedremo un pò,domani chiamo cardiologo e neurologo per capire se eventualmente l'ebixa lo può prendere successivamente,perchè al momento come le altre volte solo la ticlopidina ha tolto l'anestesista avendo dato le iniezioni di seleparina x 15 gg...grazie ancora,saluti