Utente 463XXX
Buongiorno.
Ho 50 anni e sono alto 182 cm.
In data 30/1/2013 le analisi del sangue davano come unico risultato "fuori scala" il colesterolo (tot 278, hdl 46, trigliceridi 147); pesavo 91 kg.
Mi sono quindi sottoposto a dieta e ad aumento dell'attività fisica.
Così, il 28/2 pesavo 85 kg, colesterolo tot 220, hdl 53, trigliceridi 78.
Ancora, il 16/4 pesavo 81 kg, colesterolo tot 194, hdl 49, trigliceridi 99.
Raggiunto quello che ritenevo essere l'obbiettivo, ho diminuito un po' la ristrettezza della dieta.
Le ultime analisi, effettuate ieri 22/5, hanno fatto registrare colesterolo tot 215, hdl 47 e trigliceridi 131, mentre il peso si assesta sui 79 kg.

Insomma, pare proprio che il mio colesterolo stia sotto il limite (200) solo quando "faccio la fame" con dieta ferrea : da notare infatti che nell'ultimo periodo il peso è ancora sceso, seppur con meno velocità rispetto ai primi mesi.

So già che il mio medico curante mi dirà di non preoccuparmi.
Ho appuntamento con la dietologa a metà giugno.

Nel frattempo, potreste darmi un parere sulla situazione?
Andrà a finire che dovrò assumere cronicamente statine?

Vi ringrazio per ogni informazione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
<<Nel frattempo, potreste darmi un parere sulla situazione?>>


Gent. utente,

il parere era stato gìà dato in un altro consulto analogo

http://www.medicitalia.it/consulti/Scienza-dell-alimentazione/339213/Riduzione-di-peso-e-di-colesterolo


Non sono solo le forti restrizioni alimentari, l'attività motoria ed il (..) solo quando "faccio la fame" (..) a poter controllare la colesterolemia.

Purtroppo, una dieta "fai da te" non potrà mai garantire risultati ottimali e duraturi!

E' probabile allora che l'appuntamento fissato con il Suo Dietologo di fiducia a marzo u.s....sia stato disatteso !?

Le rinnovo il consiglio di affidarsi al professionista del settore dietetico con cui ha già un nuovo appuntamento a giugno per la giusta valutazione della Sua dieta.


Cordialmente.
[#2] dopo  
46300

dal 2013
La ringrazio per la risposta.
L'appuntamento con la dietologa nello scorso marzo non ha fatto altro che aggiustare un po' il tiro sulla dieta fai-da-te, che comunque aveva i fondamentali corretti (detto in due parole : eliminare le schifezze e mangiare più pesce e verdure...).
E infatti ho continuato a perdere peso regolarmente anche dopo la visita, seguendo i consigli specifici.
Su indicazioni della stessa dietologa, raggiunto il peso desiderato (che avevamo indicato negli 80 kg), ho allentato un po' il regime, introducendo qualche variazione alla dieta e qualche concessione in più (niente di traumatico : stia certo che non mi sono messo a gozzovigliare a dolci, salami e formaggi!).
Quello che mi sembra strano è che SUBITO il colesterolo se ne sia accorto ... e sia immediatamente cresciuto oltre il limite!
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Purtroppo, "eliminare le schifezze e mangiare più pesce e verdure..." non rientra tra le prescrizioni di un piano alimentare terapeutico ipolipidico-ipocalorico da consegnare ad un paziente...tanto quanto non capisco l'indicazione della stessa dietologa (o dietista?! o nutrizionista?!) a farLe "allentare" un pò i controlli sugli alimenti in presenza di un dismetabolismo lipidico...

Prego.