Utente 307XXX
Salve Dottore ho 19 anni ed è quasi una settimana ke non prendo pace. Tutto e partito da un brutto periodo in cui ho avuto un forte attacco di panico a cui e seguito molto stress.
Da quel momento ho iniziato ad avvertire forti fitte al petto, nella zona del cuore. Molto spaventato sono andato al pronto soccorso e in seguito ad un elettrocardiogramma tutto era nella norma. Cosi sono stato tranquillo finche la settimana dopo mentre pranzavo il braccio sinistro si era immobilizzato e mi era preso un forte formicolio all anulare e mignolo e avvertivo forte debolezza. Sono sincero, ho molta ansia e penso sempre che il mio cuore possa avere problemi. Cosi mi sono recato per la seconda volta al pronto soccorsi e l elettrocardiogramma anchr questa volta non ha riscontrato nessuna anomalia ma mi hanno riscontrato una cervicobracalgia estesa a tutto il braccio e spalla lato sinistro.
Come consigliato dal medico ho utilizzato la voltaren a pomata su tutto il lato sinistro e questo lo sto facendo da una settimana ma ancora oggi il braccio sinistro mi tira e ho fitte brevi ma forti e ad intervalli al petto sinistro. Sinceramente un po mi spavento ed inoltre ho continui giramenti di testa. Nulla sembra funzionare.
Purtroppo il pronto soccorso e un po disorganizzato e le loro visite non mi danno molta tranquillita.
Volevo chiederLe cosa secondo lei possa essere. E da un mese ke non sto bene e non so se e il mio cuore ad avere problemi o e l ansia a procurarmi tutto questo.
Per favore mi aiuti a capire perche il parere di uno specialista mi darebbe sollievo mi creda.
Alla mia età e difficile accettare tutto questo perche mi sto condizionando la vita.
Non gioco piu a pallone per paura o non eseguo piu lavori che richiedono sforzi fisici.
Confido nella sua risposta, ringraziandola anicipatamente.

Mimmo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I dolori che lei descrive sono tipicamente NON cardiaci.
Solitamente sono dolori di origine osteomuscolare magari esasperati da un atteggiamento ipocondriaco ed ansioso
Si tranquillizzi pertanto
Cordialita'
cecchini
[#2] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
".....nulla sembra funzionare" lei dice.....
e personalmente le credo, però lei deve capire che occorre curare le cause dei problemi e non i sintomi che ne derivano (tantomeno ipotizzare patologie inesistenti)...
Nel suo caso è sicuramente l'ansia che deve curare, perchè è da quello che derivano molti dei disturbi che riporta....
La mente gioca un ruolo fondamentale nell'equilibrio con il corpo e quindi quello che le consiglio vivamente è di rivolgersi ad uno psicologo che potrà esserle di aiuto più di quanto non possiamo fare noi cardiologi.
Cordialità
[#3] dopo  
Utente 307XXX

Iscritto dal 2013
Gentili Dottori vorrei ringraziarVi per le vostre risposte. Non immaginate che serenitá siete riusciti a trasmettermi. Ho ugualmente prenotato una visita cardiologica per essere del tutto sicuro di nn avere nulla.
Vorrri rispondere in particolare al Dr. Rillo per ringraziarla per la comprensione dato che si tratta davvero di ansia ma nn voglio rivolgermi ad uno psicologo perche credo che posso farcela da solo.
Vorrei chiedervi un ultima cosa, come mai alla zona del cuore avverto a volte delle vibrazioni che mi danno fastidio. Non fanno male ma e un fastidio persobale sentirle. Voi credete siano causa sempre di ansia o perche sono ipocondriaco?

Grazie mille per il tempo che dedicate a noi pazienti senza alcun scopo lucrativo.
[#4] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Come già si è espresso il Dr Cecchini sui dolori ritenendoli giustamente non cardiaci, le dico che anche le "vibrazioni" che riferisce hanno la stessa base e vedono nell'ansia e nella sua ipocondria la causa che la fà vivere male. Le auguro di farcela da solo, ma se non dovesse riuscirci si ricordi del consiglio che le ho dato....
Saluti cordiali