Utente 290XXX
Buongiorno Dottore, a seguito di una pancreatite acuta (diagnosticata a mia madre 67 enne e curata con ricovero in ospedale)e successivamente controllata tramite visita specialistica e RM, le hanno trovato delle cisti a grappolo al pancreas.Poichè non sono riusciti a vedere bene a fondo di cosa si tratta le hanno proposto di fare una RM WIRSUNG CON CONTRASTO ed eventualmente una asportazione chirurgica delle cisti.Sinceramente non sò di che tipo di RM si tratta,però,mi sono documentato su internet ed ho visto che questo tipo di esame è un po' pericoloso per cui la mia domanda è la seguente:Qual'è la specifica dell'esame?Cosa si vede da questo tipo di RM?e soprattutto,è vero che è un esame pericoloso?Sono molto in ansia e cortesemente attendo una sua risposta..la ringrazio..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La RMN non è un esame pericoloso se non esiste una specifica intolleranza al mezzo di contrasto. Tale esame darà qualche informazione piu dettagliata dei rapporti con la lesione dei dotti pancreatici. Sembra piuttosto improbabile pensare data l'età e la natura benigna della cisti (ammesso che di cisti semplici si tratti) pensare ad una opzione chirurgica.
[#2] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentile utente, concordo con quanto già detto dal collega dr Rossi segnalando anche la possibilità, dopo lo studio con RMN, di una valutazione con Ecoendoscopia delle formazioni cistiche del pancreas. Tale esame endoscopico non solo consente una valutazione più diretta della lesione pancreatica ma offre anche la possibilità, in caso di necessità, di drenare endoscopicamente tali cisti senza ricorrere alla chirurgia.

http://www.endoscopiadigestiva.it/spaw2/uploads/files/Informazione_Consenso_Ecoendoscopia.pdf


Cordiali saluti



[#3] dopo  
Utente 290XXX

Iscritto dal 2013
Ringrazio il Dott.Rossi e il Dott.Cosentino per le informazioni datemi,grazie mille.
A Settembre ci sarà una risposta della RM dopodichè vi farò sapere l'esito tenendovi se posso aggiornati.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ci aggiorni. Ci farebbe molto piacere..

Cordiali saluti.


[#5] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,non sottovaluti il suggerimento del Collega Cosentino per quanto riguarda l'ecoendoscopia.E' infatti una metodica importante in questi casi in quanto consente un esame più diretto delle formazioni cistiche(parete e contenuto) e l'aspirazione del liquido su cui praticare la citologia.Infatti la tipologia del contenuto,sieroso o mucinoso ha importanza per l'ipotesi diagnostica.Probabilmente la pancreatite acuta non è stata la causa della formazione delle cisti,ma l'intasamento del dotto pancreatico,da parte del muco prodotto dalle cisti,ha comportato la sintomatologia pancreatitica.Pertanto l'ecoendoscopia potrebbe dirimere dubbi sulla natura delle cisti.
Saluti