Utente 200XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni e da circa 5 anni soffro di infiammazione oculare perenne con secrezione di sostanza filamentosa molto fastidiosa. I disturbi sono: rossore bruciore, sensazione di corpo estraneo nell'occhio, a volte prurito e anche annebbiamento della vista per via delle fibrine che si vanno a posare sull'occhio. Diversi oculisti che mi hanno visitato hanno detto che non c'è nessun danno permanente all'interno degli occhi. Così ho seguito una terapia a base di cortisone ma ogni volta che cessavo la terapia, tutto riniziava. Ultimamente sto seguendo da circa 6 mesi una terapia con collirio a bassa dose di ciclosporina che risolve anch'essa soltanto temporaneamente il disturbo. Due anni fa ho anche fatto dei test allergici dove si riscontrava un'allergia all'alternaria, quindi ho iniziato a seguire l'immunoterapia tramite vaccino sublinguale e antistaminici, ma dopo mesi e mesi la situazione non sembrava avere miglioramenti. A questo punto vorrei rifare i test allergici da un'altra parte perché non sono sicuro che sia allergia dato che non ho altri sintomi a parte pochissima congestione nasale. E' importante forse dire che ho sofferto di una forma abbastanza grave di dermatite e anche adesso, ogni tanto si ripresentano pustole soprattutto sul naso o sotto gli occhi, con arrossamento del derma. Sono stato curato l'anno scorso con l'isotretinoina per 6 mesi.
La mia domanda è: a chi dovrei rivolgermi? Potrebbe essere dai sintomi una malattia autoimmune? Può essere curata in modo definitivo o devo continuare a prendere a vita colliri o farmaci? Premetto che le mie analisi del sangue non presentano anomalia (tranne il fatto che sono microcitemico). Finora tutte le figure che ho incontrato non hanno saputo trovare la causa di quest'arrossamento né una soluzione. Grazie in anticipo per la vostra disponibilità,
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
il punto sta nella diagnosi che fa l'oculista, il quale dovrebbe essere in grado - in base ai dati anamnestici e obiettivi - di discriminare il tipo di congiuntivite (es. Vernal, atopica, ecc.); nel Suo caso probabilmente lo ha pure fatto, dal momento che Le ha prescritto il collirio a base di ciclosporina.
Se vuole sottoporsi ad una rivalutazione allergologica faccia pure, ma l'impressione è che sostanzialmente debba continuare il follow-up oftalmologico.
Saluti,