Utente 143XXX
Salve,
sono una persona di 30 anni (sesso maschile) e da parecchi anni soffro di un non meglio specificato disturbo dermatologico. Trattasi di puntine associate a fastidiosissmo prurito e arrossamento al dorso delle mani (specialmente quella destra). Fino a poco tempo fa solamente pomate al cortisone erano in grado di far scomparire le puntine e solo per 1 o due settimane dopodiche' ero costretto ad applicare la pomata nuovamente.
I medici hanno parlato a volte di psoriasi, altre di un disturbo autoimmune con iperproduzione cutanea localizzata.
Io ho sempre notato un aumento del prurito alle mani in momenti di nervosismo e ansia, oltre che (presumo) per una certa dipendenza dal cortisone.
Vengo alla mia domanda:
da circa 10 giorni sto applicando una lozione detta "Coaltar" per la psoriasi. Lo applico una volta al giorno e si sta rivelando ottima (puzza a parte): e' capace di ridurre di molto prurito e formazione di puntine.
Attualmente vivo in USA e il prodotto mi e' stato consigliato da un farmacista. Non richiede neppure prescrizione medica.
Lei ne ha sentito parlare? Presenta degli effetti collaterali (io provando a documentarmi non ne ho trovati). Vale la pena continuare a usarla come alternativa al cortisone?
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Certamente ogni dermatologo che abbia più di 40 anni ne ha usato in abbondanza in passato . Mai però come i nostri vecchi professori che ne hanno talvolta abusato. ed è per questo che il coaltar , catrame minerale, è stato abbastanza abbandonato , ed è prescrivibile come preparazione galenica .
Usatissimo in passato nella terapia della psoriasi è molto efficace (riducente), anche alternativo al cortisone... ma se abusato è stato imputato di sviluppo di epiteliomi (neoplasie). Questo rischio non ci sarà se il suo uso sarà monitorato da un collega.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta.
...avrei un paio di ultime domande: quali rischi invece potrebbe portare il cortisone a lungo andare?
Attualmente (e da alcuni anni) utilizzo una pomata detta Token (calcipotriolo + betametasone) che sono solito applicare alla ricomparsa delle puntine cioe' ogni due settimane circa (applicata per 3 giorni di seguito una volta al giorno).
Sul cortisone ne ho sentite parecchie (tipo farebbe insorgere il Parkinson) e questo e' il motivo per cui sto cercando di usare il Coaltar in alternativa (una volta al giorno la sera).
Ma se, come detto, il Coaltar e' alleviante, solo il cortisone e' effettivo nel far seccare le puntine e farle totalmente scomparire..almeno per un paio di settimane.
..insomma cosa sarebbe peggio tra i due prodotti (a meno che non debba continuare ad usarli in combinazione..qualcosa del tipo: cortisone una volta al mese, Coltar 3 o 4 volte a settimana)?

Cordialmente