Utente 328XXX
Buongiorno,
scrivo per consulto su mio padre, 70 anni, 182 cm, 72 kg, pseudo-fumatore (1 sigarino giornaliero), che ha avuto un TIA a 58 anni e ha appena eseguito ANGIO-TC TORACE per aorta con mezzo di contr., a seguito di eco-doppler di controllo e relativa visita cardiologica.
Esito Angio-TC:
Dilatazione tratto ascendente dell'aorta toracica 47 mm.
Di calibro regolare l'arco aortico, 25 mm, il tratto discendente dell'aorta toracica, 28 mm, e l'aorta addominale, 22 mm.
Pervi e di calibro regolare il tripode celiaco, l'arteria mesenterica superiore, le arterie renali e il restante asse iliaco-femorale a valle.
Lo studio del parenchima polmonare mostra micronodulo subplerico aspecifico di 2 mm al segm. later del lobo medio e micronodulo subplerico calcifico di 2 mm as segm. basale poster del lobo infer dx.
Non versamenti pleuro/pericardici.
Non linfoadenomegalie ilo-mediastiniche;qualche linfonodo calcifico in sede mediastinica e ilare sn.
INOLTRE, come reperto collaterale si segnala formaz ipodensa di tipo cistico, pluriconcatenata di ca. 2 cm, a livello della testa del pancreas, compatibile con IPMN, associata ad ectasia del Wirsung.
Gli e' stata richiesta ulteriore RM addome superiore e visita cardio-chirurgica.
Le domande qualora si rilevasse indispensabile operare l'aneurisma aortico, e' possibile intervenire con STENT o in ministernotomia? Altre tecniche mini/invasive?
Come interferisce l'IPMN in questo quadro clinico? e i micronoduli polmonari ?
Ho letto che l' IPMN nel 70% dei casi ospita formazioni maligne. La resezione e' praticabile con biopsia o anche in questo caso occorre intervenire convenzionalmente?
Mio padre prende la cardio aspirina dal tempo del TIA e da poco ha ricominciato a prendere simvastatina, ha colesterolo alto (266) che sta cercando di abbassare.
E' sempre stato uno sportivo moderato ma al momento ha sospeso attività' per spossatezza. E' inoltre molto labile nella memoria a breve termine, con periodici black/out di memoria.
Al momento, la visita cardio-chirurgica e' in previsione presso un polo ospedaliero, mentre la RM per l'addome e' presso un altro. Consiglia di unificare in un unico centro e di chiedere piu' di 1 parere chirurgico?
Per concludere, l'ultimo eco cardiogramma preced all angio TC evidenziava radice aorta 41 mm e ipertrofia lieve del VSN, TD 47 mm e VDS 24 mm.
Spessore SIV TD 12 mm e spess PP TD 12 mm.
Frazione d'eiezione: 70%

Ringrazio per Vs. parere sulle urgenze da affrontare, visto il suo quadro clinico.
Cordialmente,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Deve essere necessariamente approfondito e risolto prima, il quadro pancreatico. La risonanza magnetica dell'addome chiarirà meglio la situazione e la strategia di trattamento da parte dei chirurghi addominali.

I micronoduli polmonari calcifici e sublpleurici non sembrerebbero dalla refertazione TAC in alcun modo preoccupanti.

Le dimensioni dell'aorta ascendente misurate alla TC, per cui immagino più attendibili e precise della misurazione ecocardiografica, non sono tali da meritare trattamento chirurgico urgente, ma monitoraggio clinico con TC seriate ogni 6 mesi.

Non è al momento possibile il trattamento degli aneurismi dell'aorta ascendente con stent, si preferisce nella quasi totalità dei casi l'approccio classico in sternotomia mediana.

Tenga sotto stretto controllo la pressione arteriosa.

Farsi seguire presso un unico centro ha il solo vantaggio di rendere più semplici le cose, ma non è strettamente necessario.


Cordialmente.

GI