Utente 332XXX
Buongiorno

Se se sono qui e perché vorrei un vostro parere. Trovo difficile parlarne con la mia dottoressa o con il mio psichiatra (uomo) per questo prima vorrei sapere voi cosa ne pensate.
Sono a dieta da alcuni mesi, dove nei quali sono passata da 75 chili a 61. Fisicamente non sono mai stata meglio, anche se l'autostima è sempre ardua a salire per via della mia timidezza.
Da qualche settimana ho iniziato a diminuire le gocce di daparox sino ad arrivare a 5 gocce odierne. Come mi sento? Abbastanza bene e motivata a smettere.

Sono qui perché mi capita durante l'atto sessuale o durante l'autoerotismo di avvertire delle palpitazioni (extrasistole) improvvise quando il piacere aumenta.
Ho fatto le analisi per la tiroide e per gli ormoni, e risulta tutto nella norma.
Tuttavia avevo i trigliceridi alti (225), ma dopo la dieta (dove ho eliminato fritto,grassi,dolci,salumi e formaggi grassi) sono scesi sino a 188.
Vi scrivo perché mia madre aveva l'aritmia ventricolare maligna, e quindi è anche per questo che sono preoccupata. Anche se a me e ai miei fratelli non è mai stata riscontrata una qualche anomalia a livello cardiaco.
Queste extrasistole (o palpitazioni) le avverto in momenti in cui sono maggiormente ansiosa, ma cerco di calmarmi e di non farmi investire dall'irrazionalità e dalla paura, e mi sembra che spariscano. Durante il rapporto mi sembrano sciamare dopo aver raggiunto l'orgasmo, anche se mi sento sempre impaurita da questo pensiero di andare incontro a qualche malore.

Scusa se mi sono dilungata.

È da ritenersi nella normalità avvertire delle palpitazioni (extrasistole) durante il rapporto sessuale? Potrei incontro a qualche malore?

Grazie a voi del tempo messomi a disposizione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No, non e' normale, anche se penso che lei abbia una notevole quota di ansia.
DAta la familiarita' per aritmie programmerei: un ecocolordoppler cardiaco, un Holter cardiaco ed un ECG da sforzo massimale.
Stia lontana da integratori, caffeina, teina, ed ovviamente dal fumo, qualora lei fosse fumatrice.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2014
Dottor Cecchini,
Grazie per la risposta. Sì, sono molto ansiosa e ipocondriaca. Da quando ho iniziato a togliere la paroxetina sono ritornate di frequente queste extrasistole e l'ansia generalizzata.

Provvederò a fare dovuti accertamenti.