Utente 333XXX
GEntilissimo Dottore
tralasciando i miei problemi di ipocondria, di cui vedra'o nel mio profilo,
volevo sottoporle questo quesito...

Due anni fa ho cominciato a soffrire di Balanopostite che, dopo accurate visite, mi e' stato diagnosticato provenire da Candidosi (all'epoca mi dissero da stress).

La cosa che noto, perche mi e' capitato proprio ieri, è che mi capita o all'inizio o a seguito di infiammazione alle vie respiratorie alte . Di solito, arriva al termine della guarigiione delle stesse o prima che accada.

E mi chiedo che relazione possa esistere

Nel precisarle che sto curando con pomata specifica e antibiotico in due soluzioni (difuclan) le chiedevo questo

a) se il rigonfiamento di linfonodi inguinali e sotto la gola, e mal di schiena e' compatibile con la candida e la balanopostite. sintomi che oggi ho

b) puo' esistere una correlazione con le infiammazioni delle vie respiratorie?

la ringrazio
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Come potrà vedere nei miei approfondimenti in www.balanopostite.it
Nulla di relazionanti le a ciò che dice e' possibile in termini generali.
Questo se si eccettuano importanti defezioni del sistema immunitario.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio
oggi sono andato dal curante
sostiene che sia una balanopostite, e confermache essendo da candida
puo' essere recidivante soprattutto in fasi di abbassamento del sistema immunitario.

Mi ha prescritto esami del sangue e questo mi ha preoccupato non poco ivi compresa
la proteina c reattiva

E' un brutto segno?

le chiedo anche gentilmente se la sensazione di calore al pube e nella prima parte delle gambe, se il dolore ai linfonodi soprattutto nella parte destra, sono compatibili con il quadro clinico.

essendo un soggetto molto ansiosi mi chiedo se sotto si nasconda qualcosa di piu' grave (da qui. gli esami del sangue) che peraltro ho fatto sei mesi fa ed erano perfetti
grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

mi pare di essere stato chiaro, in via non vincolante: perché non ha chiarito questi aspetti con il suo medico? Lei è tenuto a chiarirle tutto con serenità e completezza!
saluti
[#4] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Mi perdoni dottore ma allora non ho capito il concetto della sua risposta.


Il medico ritiene che l'ingrossamento dei linfonodi del pube e quel senso di calore alla pressione siano assolutamente sintomo di un processio infiammatorio compatibile con la balanopostatite da candida.

E anche i dolori saltuari alla fascia della schiena.

Io ho chiarito tutte le mie paure al medico, il quale sostiene che non ci siano sospetti di patologie gravi.

Pero' mi dice domani di andare a fare gli esami emocromo e proteina c reattiva.

mi chiedo se l'interpretazione del medico e' corretta e se l'esame del sangue e' solo uno scrupolo o u un qualcosa che non "torna " a lui

la ringrazio se mi rispondera'
[#5] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Infine le chiedo se una certa infiammazione del colon basso, anche nel defecare, possa essere come mi e' stato detto sia dal medico di base che dal venerologo l'anno scorso, una reazione all'infiammazione che si sviluppa dopo che la candida attiva il provesso infiammatorio.

E quei linfonodi ingrossati e dolorenti all'inguine sono un segnale preoccupante?

Mi scusi per le molte domande ma sono molto spaventato, avendo sempre questa sensazione di "fuoco" al pube e alll'interno coscia
[#6] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Gentilissimo dotttore, mi avvalgo della sau pazienza e professionalità, ma ho bisogno di un confronto importante.

Come sopra riportato, e in instessi, tre anni fa ho cominciato a soffrire di balanopostite diagiosticata da candida (venerologo/Dermatologo) e sempre curata con myclonazolo e Diflucan.

A gennaio, il 17, dopo cura antibiotica, mi si ripresenta. La curo. Nel frattempo comncio ad avere insistenti problemi gastro intestinali.
Dato il mio stress emotivo mi hanno detto che era colite.

Linfonodi ingrossati (pacchetto inguinale) mal di pancia, diarrea e stipsi, mal di schiena.

Dopo le due compresse a distanza di una settimana, sebbene la balanopostite mi sia passata, accusavo ancora questi disturbi.

Allora, dopo essermi documentato, ho pensato d fare un 'analisi delle feci nelle quali sono risultato positivo alla Candida. E percio', candida intestinale

nel frattempo due giorni fa, a neanche un mese di distanza, ho avuto un rapporto con la mia compagna (protetto) e oggi ho di nuovo arrossamenti al glande e alla pelle.

Sono tornato dal curante il quale mi ha dato antimicotici per terapua di due mesi.

Quello per cui la contatto e' questo: io sono abbastanza ignorante in materia e stante il mio stato di disoccupazione, non posso permettermi neppure visite private

Stante la candida intestinale, questa puo' scatenare nel giro di un mese due balanopostiti?
E' corretta la terapia antimicotica prolungata, oppure ci sono altri accertamenti da fare e se si, con che specialisti?
Puo' essere lo sperma che porta la candida sul glande?
E, infine, questi antimicotici non possono avere effetti dannosi sul fegato?

La ringrazio tantissimo per la pazienza, ma mi creda, non so da che parte girarmi, e sono anche molto demoralizzato.

grazie
[#7] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
mi scusi dimenticavo.Ho effettuato esami del sangue perfetti. (emocromo completo, elettroforesi). Chiedo anche gentilmente se la candida, puo' propagarsi nel corpo oppure rimane localizzata all'area intestino e genitale. Grazie ancora