Utente 221XXX
Buonasera.
Vi contatto relativamente a un dubbio che diviene ormai un ossessione.
Le ricerche in internet non mi sono d' aiuto, chiedo perciò un parere medico.
Domenica 23 marzo ho avuto una forte manifestazione cutanea in area genitale, peggiorata nel corso della settimana successiva...area molto irritata, rossa con chiazze anche in rilievo, perdite, fino ad avere la pelle abrasa. La ginecologa , vedendomi, ipotizza si tratti di una brutta micosi. Mi ha prescritto la cura, iniziata il 2 aprile, con tamponi da fare subito dopo.
Domenica 30 marzo però, ho iniziato ad accusare febbre (37.5 - 38), nausea, linfonodi del collo gonfi, mal di gola e diarrea.
Nei giorni successivi è cessata la diarrea.
Ancora oggi però, a sei giorni di distanza, presento febbre e dolori articolari...i linfonodi mi paiono sgonfi, anche se ogni tanto non comprendo se quello di destra al collo, si più ingrossato dell' altro.
I miei dubbi sorgono relativamente ad un rapporto avuto esattamente il 16 marzo...un rapporto con una persona conosciuta da molto poco...la penetrazione è stata protetta, ma non la fase iniziale del rapporto,anche se io, per mio timore personale, sono stata molto atenta ad evitare sfregamenti quando lui non indossava il preservativo...
La mia febbre mi crea molti dubbi...potrebbe essere relativa alla micosi?...è vero che sono sottopposta a ritmi sfinenti e stress elevato...ma il mio peggior dubbio è...potrei aver contratto il virus dell' HIV? ammetto di aver cervato in internet varie informazioni, ho visto che le fasi iniziali potrebbero essere molto simili ai miei sintomi e, manifestarsi a 2 settimane dal rapporto. in me si sono manifestati in due settimane e i sintomi persistono.
Allo stesso tempo potrei anche essere molto condizionata da un periodo molto difficile che sto attraversando...
chiederei perciò se, in base alla vostra esperienza e a ciò che ho scritto, potrebbero esserci delle possibilità di aver contratto tale virus...e se sia opportuno effettuare il test di controllo.
Vi ringrazio sempre per l' attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Scartando l'HIV rispetto ai segni che descrive, direi di effettuare una visita Venereologica per valutare questa presunta vulvite o vulvovaginite potenzialmente venerea.

Per info generali

www.vulvite.it

Cari saluti