Utente 344XXX
Salve dottori,

Ho 32 anni e da circa un anno e mezzo mi sto accorgendo di avere un problema che inizialmente tendevo a sottovalutare ma che con il passare del tempo, visto che non si attenuava, ha cominciato ad allarmarmi.
In pratica ho notato che le mie erezioni erano abbastanza deboli rispetto a prima e in diverse occasioni faticavo a mantenerle, inoltre le erezioni mattutine sono quasi completamente scomparse.
Il "getto" dell'eiaculazione si è notevolmente ridotto, tant'è che ora fuoriesce lentamente mentre prima c'era il classico "schizzo"....
Chiedo scusa se utilizzo termini un po' grossolani ma non riesco a trovarne di migliori per descrivere il mio problema.

Oltre a questo non ho altri sintomi come dolori addominali, dolori al pene, minzione frequente, bruciori o dolori durante l'eiaculazione.

Premesso che farò una visita andrologica a breve, c'è da preoccuparsi ? In caso fosse diagnosticata una prostatite, quali sono i tempi di guarigione ?

Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le cause oltre alla prostatite possono essere: vascolari, psicogene, neurologiche, metaboliche. In caso di deficit erettile lo schzzo manca, poichè l' uretra non è dritta come nella erezione piena, ma tortuosa.
[#2] dopo  
Utente 344XXX

Iscritto dal 2014
grazie dottore, speriamo di capire cos'è e risolvere il problema.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
faccia sapere se vuole.