Utente 752XXX
Buongiorno a tutti,

Sono un ragazzo di 23 anni affetto da allergie, soprattutto a pollini (in particolare, molto sensibilie a quelli di graminacee e meno a quelli du altre piante quali ulivo, betulla ed altre) e in misura molto inferiore a polvere. Vivo in nord Italia (provincia di Brescia, in valle Camonica), in un ambiente ricco di vegetazione.
Ultimamente sto sperimentando degli episodi allergici della durata di qualche ora o di un giorno, con rinite allergica, asma, irritazione degli occhi e lacrimazione, che si risolvono con l'assunzione di antistaminici (asma a parte). Questo periodo dell'anno (estate inoltrata), a quanto ne so, non dovrebbe essere molto "a rischio pollini"; da qui il mio dubbio che ci sia qualcosa che non va, mi chiedo ad esempio se sia possibile la comparsa di nuove allergie.
Volevo inoltre chiedere se esiste su internet un "bollettino pollini" ufficiale, un servizio che monitorizza la quantità di polline per area geografica e che ne analizza il trend, in modo da capire esattamente da cosa questi episodi allergici siano dipendenti. Mi sarebbe utile anche in virtù del fatto che, essendo io donatore AVIS, mi è stato detto di non donare il sangue nei periodi di allergie.

Grazie per la disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010