Utente 145XXX
Gentili dottori,
ho un problema di extrasistole ormai da anni, ma negli ultimi anni queste sono diventate sempre più frequenti, fino a rendere la qualità della vita davvero peggiore.
Ho fatto tutte le visite del caso e mi hanno trovato un lieve prolasso della valvola mitralica con lieve rigurgito eccentrico. ho eseguito holter e il risultato è stato di 12 extrasistole ventricolari. Devo però ammettere di essere stata particolarmente "sfortunata" perchè il giorno che ho eseguito l' holter non ne ho avvertite tante quante ne avverto di solito ma molte di meno.
In questi anni, anni in cui tutti i giorni avverto all'incirca dalle 10 alle 50 extrasistole, mi sono invece capitati tre episodi in cui mi sono recata al pronto soccorso perchè non smettevano proprio e non mi lasciavano respirare nemmeno.
Il responso dei medici è stato sempre lo stesso: il mio, a parte il lieve prolasso, è un cuore sano e le extrasistole non sono pericolose e le devo sopportare. Addirittura l'ultimo cardiologo che mi ha visitata mi ha dato il consenso ad un eventuale parto naturale( cerco un bambino, ma non sono incinta).
Io davvero non ne posso più. Vorrei un consiglio: non sarebbe il caso di cominciare a prendere delle dosi anche minime di betabloccante? il betabloccante non lo potrei almeno prendere durante quei giorni in cui ne ho tantissime? e soprattutto ma come diamine posso pensare di partorire, per giunta naturalmente, di allattare,di vivere serena, quando se solo per una notte non dormo, il giorno dopo mi si presentano così tante extrasistole da buttarmi al tappeto? Io vorrei una vita solo più serena, in cui non debba preoccuparmi se dormo poco, se mangio troppo, se mi emoziono, se mi stanco ecc....
è mai possibile che io debba sopportare e basta?
Mi scuso se sono stata prolissa, ma proprio ieri sono stata al pronto soccorso, e dopo che mi hanno liquidata dandomi le solite gocce di xanax, mi sono avvilita.
io non soffro di ansia, non ho mai auto una crisi di panico in vita mia e non mi va di prendere ansiolitici.
ringraziandovi anticipatamente per la vostra cortese attenzione, vi inoltro cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara signora, capisco che non è facile per lei comprendere le motivazioni che spingono i colleghi a prescriverle degli ansiolitici, ma dovrebbe capire anche lei che il numero di extrasistoli che riporta sono una "goccia nel mare". Mediamente il nostro cuore batte circa 100.000 volte al giorno e quindi 10 extrasistoli non sono assolutamente nulla e non rappresentano un problema oggettivo. Che le piaccia o no il reale problema è soggettivo e legato alla sua intolleranza. E' per questo che le hanno consigliato lo xanax e a mio giudizio farebbe bene a rivolgersi ad uno psicologo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottore,
dalla sua cortese risposta mi rendo conto che forse, a causa anche del nervosismo, non mi sono espressa bene quando ho spiegato il mio problema.
il mio problema non sono certo le extrasistole giornaliere che accuso ( che sono più o meno dalle 10 alle 50), ma il mio problema sono le crisi di extrasistole che sempre più frequentemente mi capitano. Durante queste crisi, che durano anche 3-4 ore, sono continue e mi risulta difficile anche solo respirare. Io desideravo un consiglio su cosa fare durante queste crisi, se potevo assumere qualcosa o no durante queste crisi. lo xanax non lo posso assumere perchè cerco un bimbo e tra pochi giorno farò un test perchè forse già sono prena.
La ringrazio per la cortese attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Durante le extrasistoli non può far nulla se non cercare di tranquillizzarsi e quindi tollerare il problema. Per cercare di evitare che succeda può ridurre drasticamente l'uso di caffè, thè e qualunque altra sostanza o circostanza eccitante, non fumare (e spero che in prospettiva di una gravidanza questo avvenga indipendentemente dall'extrasistolia, ovviamente se fuma), non assumere bevande gasate ed evitare la cioccolata. In gravidanza deve evitare anche l'uso della maggior parte dei farmaci (a mio giudizio compresi i tranquillanti).
Saluti