Utente 346XXX
So che è una domanda un po particolare, ma volevo chiedere se per il pene è più faticoso, a parità di tempo, rapporto sessuale o una masturbazione. Per esempio un quarto d'ora di rapporto sessuale sono più o meno stancanti per il pene rispetto a quarto d'ora di masturbazione? Lo chiedo perchè pensandoci nella masturbazione teoricamente il ritmo del "su e giù" del prepuzio è forse più frequente al rapporto sessuale, ma d'altro canto immagino che in quest'ultimo sia tutto più inteso. Ps. una volta infilato il preservativo (a glande scoperto) durante il rapporto sessuale il glande dovrebbe restare scoperto in quanto il preservativo aderendo non permette lo scivolamento del prepuzio avanti e indietro o è il contrario? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
...vedo che la vena creativa non si spegne...Non si perda in quesiti che non prevedono alcuna risposta da parte di un forum medico,bensì possono essere ottimi argomenti da affrontare con gli amici al bar.Buona domenica.
[#2] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Ragazzo,
pur se può essere comprensibile una certa dose di apprensione rispetto alle prime esperienze sessuali di coppia, sarebbe bene che cercasse di viverle con un po' più di spontaneità ed evitando di caricarle di eccessiva ansia.
Anche perché, come ben saprà, l'ansia è nemica della sessualità e rischierebbe di compromettere la buona riuscita (ovviamente non in termini di prestazione, ma di soddisfazione reciproca) del rapporto.

http://www.medicitalia.it/paola.scalco/news/1852/Ansia-da-prestazione-e-spectatoring

I suoi ricorrenti dubbi potrebbero essere sciolti incontrando di persona un andrologo che potrebbe diventare per Lei punto di riferimento, esattamente come il ginecologo lo è per una donna nelle varie fasi della vita.

In più, potrebbe rivolgersi gratuitamente al Consultorio della sua Asl per quanto riguarda gli aspetti psicologici, emotivi e relazionali che le tolgono la necessaria serenità per affrontare certe situazioni.

http://www.medicitalia.it/paola.scalco/news/2433/Ho-un-disturbo-sessuale-ma-mi-vergogno-a-parlarne
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_912_listaFile_itemName_6_file.pdf

Intanto le consiglio un paio di siti che potrebbero tornarle utili (ma che non sono un'alternativa ad una visita andrologica che, come sostenuto in precedenza, alla sua età dovrebbe già esser stata fatta!):
http://www.amicoandrologo.it/web/it/
http://www.sceglitu.it/contraccezione/profilattico/art-57

Saluti.