Utente 273XXX
Buongiorno,
da circa due anni cerchiamo con mia moglie di avere un figlio, purtroppo senza risultati ad oggi. Ho effettuato 4 spermiogrammi (due di questi li avevo già effettuati nel 2011 e nel 2012), di cui gli ultimi due, realizzati a distanza di un mese, con esiti differenti. In particolare il più recente riportava un ottimo risultato dal punto di vista sia della motilità che della morfologia (simile a quello dei primi due effettuati negli anni passati). Il penultimo invece ha manifestato una motilità ridotta (in particolare la rettilinea veloce e una percentuale di forme anomale del 95%). La ginecologa che ci segue ha ritenuto che "io non fossi il problema" in quanto l'ultimo spermiogramma ci ha tenuto lo facessi presso un laboratorio di sua fiducia. Tuttavia ci siamo preoccupati di cercare un altro consulto, da cui è scaturita la necessità di effettuare un post coital test (che faremo il prossimo mese) e un'ecografia testicolare per me.
Dall'ecografia è venuto fuori un discreto varicocele e alcuni spot ipercogeni riferiti a microlitiasi testicolari. Mia moglie è attualmente sotto cura antibiotica per una sospetta endometrite (pareri contrastanti in quanto l'ultimo ginecoloco consultato ha chiaramente detto che l'endometrite non è possibile che ci sia). Sempre dalla isteroscopia è venuto fuori un polipo di dimensioni molto ridotte (ca. 5 mm). Volevo chiedere il vostro punto di vista. Volevo anche chiedere che tipo di spermiogramma dovrei fare e dove è meglio effettuarlo. L'ultimo ginecologo consultato ha anche affermato che lo spermiogramma è un'esame che ha una elevata variabilità e per questo ha suggerito il post coital test. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore, bisognerebbe capire il grado di varicocele, secondo la classificazione più dettagliata ne esistono 5 gradi, mi sembra poi strano che ci sia una tale discordanza tra i suoi ultimi due esami del liquido seminale, tenendo conto che il varicocele è la principale causa di infertilità maschile se di grado elevato bisognerebbe trattarlo.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dottore,
la discordanza tra i due ultimi esami è fattore che ha scatenato grande confusione. Forse aggravato dal parere di un "illustre certamente" professore che ha considerato lo spermiogramma un mezzo diagnostico inefficace in quanto, a suo dire, il suo esito sarebbe troppo dipendente da chi effettua la coltura e quindi molto variabile.
Ciò lo ha condotto a suggerirci un post coital test. A questo punto le chiedo qualche cortese chiarimento.
E' efficace il post coital test?
E' utile ripetere lo spermiogramma nuovamente e se si auale tipo di spermiogramma sarebbe preferibile fare (e quali strutture/centri sarebbero preferibili)?
Mi parlano di spermiogramma con test di capacitazione e frammentazione del DNA, che ne pensa (anche se mi sono informato e su Bari dove vivo ho difficoltà a trovare un laboratorio)?
Le microlitiasi testicolari possono avere influenza sulla fertilità e sono in generale "cose serie"?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Le avevo già scritto che la cosa migliore sarebbe intervenire sul suo varicocele prima di tutti i test diagnostici che ha elencato.
Rinnovo i saluti.
[#4] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno, la settimana scorsa io e mia moglie ci siamo recati dal professore, il quale, dopo attenta valutazione del timing di ovulazione, verificata da ecografia, ha effttuato il Test Post coitale. I prelievi del muco effettuati sono stati due, uno più superficiale e uno più profondo. Non ha trovato traccia di spermatozoi. Ha giudicato il muco di ottimo livello.
Ha desiderato vedere al microscopio lui stesso un campione di liquido seminale, ne ha isolato una goccia (nb: l'astinenza dopo la quale ha effettuato l'esame era pari a mezza giornata in quanto io e mia moglie avevmo avuto un rapporto il pomeriggio precedente, anche con la finalità da lui paventata di rifare il test post coitale). Dicevo...ha visionato al microscopio il liquido seminale, per identificare un solo spermatozoo mobile con andamento ondulatorio. Il test post poitale rifatto non ha evidenziato spermatozoi.
Ha giudicato questo risultato paradossale, in quanto sebbene il suo approccio sia critico verso lo spermiogramma ha ritenuto molto strano che i precedenti spermiogrammi evidenziassero tutti (anche quello più compromsesso) un numero ottimo di spermatozoi vitali, dicendo che questo tipo di evidenze derivano dalle macchine.
Ha fatto chiaramente capire che questa situazione, se dovesse essere confermata sarebbe severa: i miei spermatozoi sarebbero pochi con scarsa capacità di risalita. Ha chiaramente detto che con questo quadro anche la fecondazione assistita non è destinata a produrre risultati.
Inutile dire che questo ci ha "devastato" emotivamente. Ha poi prescritto esami ormonali, cariotipo, su mia insistenza un nuovo spermiogramma con spermiocultura (precedenti tutte negative), e terapia antibiotica.
Ora io mi chiedo come sia possibile che la qualità del liquido seminale si comprometta in modo così severo in 10 mesi. Mi chiedo come io e mia moglie dobbiamo prendere le affermazioni formulate. Mi chiedo poi se il varicocele (a sua detta di II grado) possa essere responsabile di una così severa compromissione. In sostanza: ho 4 spermiogrammi, di cui 3 giudicati ottimi (ultimo compreso effettuato a gennaio scorso) e uno (il penultimo sermpre a gennaio scorso) con 95% forme anomale e motilità progressiva più ridotta. E' possibile un tale quadro?
Siamo comunque alla ricerca di un centro specializzato che ci prenda in gestione, in modo equilibrato, come coppia.
Vi chiedo un cortese riscontro, per dipanare la mia confusione. Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore,
le avevo consigliato in precendenza di trattare il varicocele
Per quanto riguarda il iquido seminale analizzato dal porfessore di cui riferisce sopra, esistono parametri e range di riferimento internazionali per stabilire eventuali alterazioni di numero, forma e morfologia di spermatozoi.
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

personalmente ad una coppia con il maschio con liquido seminale alterato, con la donna affetta da endometrite e una formazione polipoide uterina , magari con più di 30 anni, con un tale reperto del Post Coital Test ( esame ormai desueto che ha perso quasi tutte le sue indiazioni )non ritengo possibile avere una gravidanza in maniera naturale e consiglierei di ricorrere ad un centro di PMA per valutare la possibilità di una gravidanza mediante ICSI.
Non sono molto d'accordo con il dottor Vicini, andrologo esperto ed efficace, sulla possibilità che una correzione del varicocele, nel vostro specifico caso, possa aumentare le probabilità di una gravidanza naturale
cari saluti
[#7] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Grazie a entrambi.
Ho dovuto ahimè constatatre che è un mondo molto inflazionato dove si sprecano esperti della materia e centri specializzati.
Personalmente, certo nella mia ignoranza, ritengo che il quadro diagnostico sia tutt'altro che chiaro. Per quanto riguarda me, ho 4 spermiogrammi con numero spermatozoi vitali di gran lunga superiore ai limiti (nell'ultimo caso 60 milioni), tre con segnali di motilità e morfologia ottimi e uno più compromesso (non l'ultimo). Mia moglia evrebbe questa endometrite e un polipo di dimensioni ridottissime (5 mm). anche in quel caso, altri ginecologi che abbiamo interpellato hanno manifestato forti perplessità sia sull'endometrite che sul polipo. Da qui la mia esigenza di rivolgermi ad un centro specializzato di ottimo livello. Ritengo che l'approccio migliore sia un approccio alla coppia e non al singolo. Veniamo da un'esperienza in cui la nostra ginecologa dopo il mio buon spermiogramma mi ha totalmente messo da parte, focalizzandosi su mia mioglie e parlando di "incompatibilità". Non so se condividete.