Utente 144XXX
Gentili dottori,
A seguito di un'emorragia cerebrale mio padre è tetraplegico. Muove leggermente la bocca, deglutisce, ma gli si forma catarro nella gola che viene aspirato tramite la tracheostomia.

L'operazione non è del tutto indolore (diventa rosso, i battiti aumentano, ha dei movimenti sussultori), ma dopo respira meglio.

Adesso verrà trasferito in unità stroke di neurologia e in seguito in neurologia normale.

C'è bisogno di assistenza continuativa da parte della famiglia durante la notte?

Da quel che ho potuto vedere i farmaci che gli stanno dando sono ridotti al minimo.
Ha problemi cardiaci e lo trattano solo per quello.

Usare fluimucil o cose più forti, richiedere la visita di un otorino, è opportuna?

Grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buon giorno, la valutazione circa la necessità di una presenza continuativa dei familiari va fatta in base alle reali necessità del paziente, anche perchè immagino che, anche in neurologia, ci sia una presenza infermieristica che potrebbe anche essere sufficiente.
Io credo che i medici curanti siano i soli che possano darle maggiori informazioni in merito perchè conoscono il babbo da vicino. Le stesse considerazioni valgono per consulenze e /o terapie aggiuntive.

Saluti.
[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottoressa,
Vorrei chiedere un'altra informazione. Al momento mio padre sta recuperando. La produzione di catarro è diminuita (da 8 aspirazioni in un turno di un infermiere a 2), muove la testa, il braccio sinistro e sembra pienamente cosciente.

Deglutisce e tossisce ogni tanto. Per adesso è tenuto nel reparto di neurologia e a giorni verrà trasferito in un centro specializzato nella riabilitazione neurologica.

Al momento però, pur essendo mantenuto idratato tramite flebo e sondino, ci chiedono di non dargli da bere per paura che qualche goccia d'acqua vada di traverso. Ci permettono solo di dargli acqua tramite delle garzine imbevute.

Mi hanno detto che la figura professionale che valuterà quando poter tornare a bere è il logopedista. è corretto?

I medici usano la massima prudenza, ma dato che già adesso deglutisce, quale percorso di valutazione posso richiedere (anche tramite consulenze a pagamento) per valutare se è già adesso in grado di bere (anche solo piccolo quantità d'acqua)?
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buona sera, è corretto usare la massima prudenza senza forzare, per non correre il rischio di rovinare un percorso di cure corretto e mi sembra efficace.
Bere dell'acqua non è indispensabile a suo padre ed ha forse solo un valore simbolico per voi, quindi ascoltate i medici ed abbiate pazienza sopratutto per il bene del babbo.
Saluti.