Utente 213XXX
chiedo aiuto a voi.
per un anno mi stato prescritto il laroxil a dosi basse(son partita con 3 fino a arrivare a un max di 6
gli effetti collaterali son stati molto pesanti ,tachicardia, 10 kg in più, fortissima sonnolenza (lo prendevo la sera).
così l'ho smesso a ottobre 2007.
oggi sono stata da un nuovo medico che mi ha riscontrato la fibromialgia e come terapie lui usa sempre laroxil max 10 gocce.
allora avendo già avuto esperienza gli ho detto perchè nn volessi riprenderlo.
mi ha risposto che un dosaggio così basso come ho preso io è impossibile che mi abbia creato questi disturbi.
eppure credetimi...io quando l'ho smessso è finita la tachicardia, sono diminuita di kg senza far nulla,la sonnolenza nn ce l'ho più...
allora mi chiedo se sia solo una mia suggestione.
perchè anche il terapista del dolore a cui ho chiesto un parere mi ha confermato che un dosaggio cosi basso non può avermi creato problemi...
potete darmi delucidazioni?

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
certe persone sopportano anche meno di 10 gocce!!!
supponendo che il Laroxyl le sia stato prescritto nel contesto di una terapia per il dolore,Le posso dire che ci sono altri antidepressivi di classe diversa dai triciclici come il laroxyl che sono tollerati meglio.
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2006
caro dottor Vannucchi, si il laroxil mi era stato prescritto per una forma di vulvodinia (tuttora presente a cui si è affiancata la fibromialgia)

purtroppo come ho scritto mi ha creato brutti effetti collaterali..ma il medico riteneva che non potesse essere il laroxil...(chissà perchè quando l'ho interrotto son spariti tutti)

per la vulvodinia quali altri antidepressivi sono più indicati?
da un parte ho il terapista del dolore che mi vuol dare seroxat.
dall'altra ho il reumatologo che per la fibro mi vuol prescrivere il cymbalta
mi può dare un suo parere?
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Al momento nel trattamento delle forme dolorose, fra i vari antidepressivi,vengono privilegiate molecole che presentano un doppio meccanismo d'azione (serotoninergico e noradrenergico) come la duloxetina o la venlafaxina ( e nella mia esperienza anche la mirtazapina) rispetto alle molecole che hanno un'azione di tipo solo serotoninergico (per es paroxetina)