Utente 373XXX
Spett. dr Giovanni Beretta,
vivo da circa 6 anni con una giovane nigeriana di 32 anni.
Sono stato operato di papilloma alla vescica nel 2005, ho una neovescica ricostruita con parte dell'intestino.
La mia ieculazione è interna finisce in vescica (come mi ha detto il mio urologo).
La mia compagna ed io vorremmo poter avere un bambino nostro....sarà possibile?
Ho sentito parlare di raccolta degli spermatozzoi dalle mie urine...si può fare?
Capisco che le complicazioni sono molte, ma altrettante le motivazioni.
Grazie dott. se vorrà rispondere.
Saluti e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

le rispondo io poiché per parlare direttamente con il collega Beretta, nella richiesta di consulto lo deve citare, altrimenti non comparendo è difficile per lui risponderle, fatte queste premesse se nelle urine sono presenti spermatozoi, questi saranno usati per una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA). L'esame è semplice, basta assumere delle bustine che alcalinizzano le urine, per i tre giorni che precedono l'esame e quindi dopo masturbazione raccogliere le urine in un contenitore sterile, tutto questo deve essere eseguito con tre, cinque giorni di astinenza da eiaculazione.

Un cordiale saluto