Utente 373XXX
Venerandi specialisti,
vorrei proporVi il mio caso: nel mese di giugno mi sono stati diagnosticati dei condilomi da papilloma virus causati da un rapporto occasionale. Da premettere che io sono donatore e quindi ogni tre mesi automaticamente mi viene effettuato lo screening. Ho avuto tantissima paura poichè il medico mi ha consigliato di fare il test hiv. Ad agosto mi sono recato all'avis per la donazione esponendo al medico di turno il mio problema e, gentilmente, mi ha informato che nonostante i condilomi potevo donare. Ho avuto un ansia incredibile e lo screening è risultato negativo. A settembre rimuovo i condilomi mediante elettrobisturi. Esami preoperatori: perfetti. A dicembre ripeto la donazione e il risultato nuovamente negativo, sia i valori Hiv-ab, sia Hiv-nat. Con ciò i medici mi dicono di non preoccuparmi anche perchè dalla diagnosi di condilomi all'ultimo screening è trascorso sei mesi! Da premettere che non ho sintomi e sto bene. Con questo episodio, non nascondo che sono diventato un pò ipocondriaco e "maniaco" dell'igiene. La mia domanda è: posso stare tranquillo in merito al fatto di non aver contratto hiv o altro? Lo screening effettuato dopo tale periodo, si può assolutamente considerare attentibile al 100%? Vi ringrazio della risposta!

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, sia tranquillo difficilmente i test diventano positivi dopo così tanto tempo dalla sospetta esposizione. Ri-esegua la donazione a giugno p.v.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2] dopo  
Utente 373XXX

Grazie mille Dott. Scalese, quindi posso stare tranquillo e continuare a donare, vero? La ringrazio nuovamente. Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Penso proprio di si.
Cordiali saluti
Gino Scalese