Utente 809XXX
gentili signori, a mio padre di 76 anni hanno diagniosticato un mesotelioma pleurico un paio di anni fa. In questo periodo è stato sottoposto a vari cicli di chemioterapia e di radioterapia. Purtroppo vista l'età (anche se ha sempre goduto di ottima salute tant'è che nella sua cartella medica figurava solo la visita per il militare)hanno decretato che non era operabile, quindi oltre ai farmaci per lenire il dolore non è stato possibile fare altro. Adesso gli esiti dll'ultima tac hanno riscontrato un peggioramento della malattia, che stà invadendo anche il polmone sano e restringendo sempre di più la possibilità di avere aria in quello malato. con questo il nostro medico (dott Favaretto IOV PADOVA) ha interrotto la chemio che secondo lui non faceva più effetto ed ha trasferito mio padre al reparto antalgico. So che la risposta non può essere precisa ma ci chiedo ugualmente: quanto posso sperare resista ancora con noi?
GRAZIE!
Chiara
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

quando ci si presta a rispondere a domande come questa si rischia frequentemente di sbagliare pur conoscendo la storia clinica del paziente e le condizioni generali del momento, figuriamoci a distanza e tramite Internet.

Inoltre in questi casi esistono moltissimi fattori che possono determinare una stabilizzazione del quadro, un miglioramento o una caduta definitiva.

Tra questi

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=41116

Cordiali saluti con tanti tanti auguri !