Utente 379XXX
Buon giorno,
Porto a voi il caso di mio fratello che si trova ricoverato da ormai 27 giorni all'interno del reparto di chirurgia di un ospedale in provincia di Venezia, ricovero avvenuto dopo la comparsa di giallo in tutto il corpo e difficili colore bianco e una bilirubina aria 11.Durante ricovero è stato fatto un ercp, con con l'inserimento di una protesi della via biliare in quanto una stenosi di 4 mm. Dopo cinque giorni la bilirubina da 11. Tre è salita 14 e pertanto è stato fatto di nuovo l'esame e inserita una nuova protesi pertanto attualmente le protesi sono due. A distanza di tre giorni da questo intervento la bilirubina da 14 è salito no 17.1. (BILURUBINA 17.1/ BILURUBINA diretta 12.3), il colore del viso rimane giallo con aumento di prurito nel corpo, purtroppo non posso allegare foto del viso e del corpo. L'umica terapia che viene somministrata e antistaminico tramite CvC. Dicono che non è possibile intervenire in alcun modo, chirurgicamente bisogna solo aspettare però vedo che invece di migliore peggiora sempre. Ci dicono che i marcatori sono negativi, e che la Rm non la fanno visto che il suo peso non lo fa entrare nella macchine. Vi chiedo aiuto di farci capire cosa succedendo. Può essere la papilla di Valter ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Va stabilita la natura della stenosi,sono state eseguite biopsie?
[#2] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Con i limiti di una valutazione a distanza, bisogna comprendere perché nonostante il posizionamento delle endoprotesi non diminuisce la bilirubina.
L'ittero e' certamente dannoso per l'organismo e nei limiti del possibile non deve avere una durata eccessiva.Se persiste una situazione di stallo,siete in pieno diritto di chiedere ai curanti se non ritengano utile la gestione del paziente in un centro di riferimento per la chirurgia Epato- bilio pancreatica nel Veneto
Saluti
[#3] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
No sono stati fatti dei campioni di cellule nel primo ercp, ci dicono probabile natura infiammatoria

In contesto ematico con nuclei Moody dispersi accanto a prevalente cellulare ita nei limiti citto morfologici delle norme e micro frustolidi tessuto fibroso sclerotico reperto di micro lembi epiteliali talorapseupappillari di aspetto iperplastico reattivo, occasionalmente con lieve alterazione cito dimensionali, pur in associazione ad elementi vasali. Reperto quest'ultimo esiguo per conclusione di diagnostica. Questo è il referto