Utente 444XXX
Gentile dottore, mio marito è da circa un mese che presenta febbricola (37.8°C), astenia, sudorazione profusa,tachipnea e tachicardia al minimo sforzo. Gli esami ematici evidenziano valori epatici e pancreatici alterati.All'ECG onda T negativa; all'ecocardio minima falda di liquido nel pericardio. Ricoverato alle malattie infettive è risultato positivo al cytomegalovirus. Vorrei porre delle domande:é possibile che questa virosi abbia colpito contemporaneamente fegato e pericardio?;come terapia è stato prescritto ibuprofene 400 mg.Non è necessario assumere cortisone e antivirali?; Noi abbiamo una bimba di 4 mesi.E' necessario assumere accorgimenti particolari? Se venisse a contatto con il virus è pericoloso essendo così piccola? Ringrazio di cuore fin da ora per l'attenzione che vorrete dedicarmi.
Distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
I valori epatici alterati fanno parte del quadro di malattia da citomegalovirus e ci può essere anche un interressamento pericardico. Non esistono antivirali specifici, anche perchè la malattia nella stragrande parte dei casi guarisce senza conseguenze. La trasmissione avviene in prevalenza per via respiratoria, quindi sono da evitare contatti stretti
[#2] dopo  
Utente 444XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dott. Baraldi,
torno a scriverle dopo aver letto la sua risposta. Mio marito ha sempre baciato la bambina sulla bocca o provato il latte dalla tettarella del suo biberon perchè c'era stato detto che non c'era pericolo per la bimba in quanto io in gravidanza avevo le IGg positive per il CMV. Ora dopo la sua risposta siamo un po' preoccupati! Ritiene opportuno fare eseguire alla bambina degli esami? Eventualmente, quali? Se la bambina avesse contratto il virus è pericoloso?
La ringrazio anticipatamente per la disponibilità.
In attesa di una sua risposta, porgo distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Ma io non penso che la bambina corra rischi; quando parlo di contatti stretti le indico le modalità , in generale, di trasmissione, ma questo non significa che tutti quelli che hanno contatti stretti avranno la malattia, perchè è in dipendenza della reazione del sistema immunitario, così come tante persone hanno contatti con il virus dell'influenza, ma soltanto una parte di quasti si ammala. Per la bambina,mi sembra di capire, stà bene, non ha problemi , perchè si deve preoccupare ?; in più c'è da dire che lei come madre le ha trasmesso attraverso la placenta anche i suoi anticorpi per CMV, quindi stia tranquilla.