Utente 365XXX
Buongiorno, le scrivo per chiedere un consiglio sul trattamento della mia allergia alle graminacee. Ho iniziato a prendere lo Xyzal (una pastiglia prima di colazione) ad aprile e ho continuato fino a luglio semza avere problemi (cone prescritto dal mio medico di base).
Dopo che ho smesso peró, qualche giorno dopo ho avuto i seguenti sintomi: occhi lucidi e arrossati, fastidio alla gola e continuo sollettichio al naso con qualche attacco di starnuti.
Ritenendo fosse causato da allergia, ho ricominciato a prendere Xyzal. L'ho assunto per 10 giorni e mi sono accorto che stavo bene. Quindi ho smesso di nuovo perchè da quanto ne so non dovrebbe piú essere periodo di graminacee, ma ecco che dopo due giorni sono tornati i sintomi, che non sono gravi ma mi indisponevano ed essendo in vacanza mal sopportavo questa situazione. Ho quindi ripreso per una settimana con conseguente sparizione di sintomi. Due giorni fa ho smesso e ora mi ritrovo con gli stessi sintomi.

Cosa mi consiglia di fare?
Questi sintomi non mi permettono di ottenere la concentrazione per studiare, il che è un bel problema per me ib questo momento. Potrebbe avere effetti collaterali continuare a prendere Xyzal, grazie al quale tuttavia sto bene?
Grazie per l'attenzione e per l'impagabile servizio da voi reso.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non ci sono asssolutamente problemi se continua ad assumere l'antistaminico. Non dà effetti collaterali. Come dice giustamente, le graminacee erano già finite e quindi non è chiaro la relazione causa - effetto. Forse una rinite vasomotoria associata oppure un'allergia agli acari della polvere.
Penso che sia utile ricontrollare gli esami e la sintomatologia.
Potrebbe essere utile anche il vaccino per le graminacee.
Cordiali saluti