Utente 797XXX
Salve, inanzitutto grazie per l'aiuto.
Quasi 4 anni fa ho cominciato a sentire un acufene all'orecchio dx, come lo scorrere del sangue, che passa momentaneamente se premo la vena alla base del collo a dx o se stiro il collo piegangomi a sx.
Sono stata 2 volte dall'otorino, dove mi hanno fatto le prove dell'udito e un'endoscopia, ho fatto una rx cervicale, esami del sangue ed eco x tiroide, ecodopler dei tratti aortici superiori, rsm del cranio senza contrasto ed infine rx panoramica dei denti, ma non si è capito da dove potesse derivare.
Poi sono iniziati i dolori ai nervi del collo alla base della nuca che scendono su spalla e braccio sinistro.
Ed è stata incolpata di tutto alla cervicale.
Continuo ad avere l'acufene ininterrotto e sporadici dolori al collo che diventano più seri, più dolore agli occhi, come se mi "tirassero da dietro".
Sono stata dall'oculista che come il mio medico di base mi aveva già consigliato, mi spedisce dall'osteopata il 21/06/08.
Dopo la prima seduta non trovo miglioramenti, il 31/07/08 faccio la seconda visita, una settimana dopo mentre ero al lavoro (sto più di 8 ore al computer, sono un'impiegata) sono quasi svenuta, la stanza ha cominciato a vorticare, ho visto tutto bianco, mi si sono tappate le orecchie, sudavo e mi tremavano le mani.
Ho pensato ad un calo di pressione dovuto al caldo estivo, un'oretta dopo ho misurato la pressione ma era 140/90.
Da lì ho cominciato ad avere nausea e vertigini quasi tutti i giorni, ma non è la stanza a girare, sono io ad essere instabile, come se mi facessero ballare gli occhiali sugli occhi (sono miope), come se fossi ubriaca, mi sale una gran acidità di stomaco (il mio medico ha presupposto sia ernia iatale), ho provato a contattare l'osteopata ma è in ferie, prox appuntamento 25/09/08.
Mi sono ritrovata il 14/09/08 a dover andare al pronto soccorso per le vertigini, mi hanno fatto 2 flebo e mi hanno detto che se soffro di cervicale probabilmente deriva da lì, di fare una nuova rx cervicale con oblique e una visita dall'otorino.
Mi hanno consigliato torecan ma non funzionava così bene, anche se le tenevo bene sotto controllo, le vertigini non sono mai scomparse del tutto.
Ora ho fatto l'rx ma risulta tutto nella norma, e l'otorino mi ha dato una controllata alle orecchie e fatto delle prove di equilibrio (toccarsi naso e ginocchio ad occhi chiusi ecc) ed è tutto a posto.
Ora sento che gli occhi mi fanno + male e sento come una pressione verso l'esterno nelle orecchie, come se dovessero scoppiare in fuori, specie in quello dx dove si è accentuato l'acufene e le vertigini forti sono tornate.
Sono stata dall'osteopata il 25/09 e secondo lui cervicale e pressione alle orecchie e agli occhi sono 2 problemi distinti ma dopo essere stata da lui questi problemi sono accentuati.
Mi sembra che mi scoppino le orecchie, specie il dx che sento ovattato ed a volte mi lacrima anche l'occhio dx.
Può essere un problema all'orecchio che non siamo riusciti ad identificare ?
Oppure davvero la cervicale come mi dicono tutti può portare tutti questi problemi ?
Mi hanno suggerito un problema al nervo vago, è possibile ?
O solamente questo osteopata ha toccato dei nervi che doveva lasciar stare ? Però l'acufene l'avevo da molto prima di andare da lui.
Sto bene solo mezzoretta la mattina quando mi alzo ma il resto della giornata faccio fatica a lavorare e sta diventanto un problema grosso visto che dura da più di 4 anni.
Grazie mille x l'aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
la "cervicale" non ha nessun ruolo nei suoi disturbi "vertiginosi".
Si sottoponga ad esame audiometrico e vestibolare poichè l'associazione acufene e vertigine verosimilmente non è casuale. Con tutto il rispetto per chi l'ha visitata (toccarsi naso e ginocchia ad occhi chiusi?).
Il torecan è un farmaco che sopprime la funzione vestibolare e pertanto va utilizzato il meno possibile, pena difficoltà di compensare l'eventuale deficit presente.
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Gambardella
24% attività
0% attualità
0% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Sono daccordo con il dr.Marcelli.
Esegua un esame audiometrico e vestibolare ed in ultima analisi anche rm encefalo e CAI con gadolinio. Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 797XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille per l'aiuto, lunedì 06/10 ho l'appuntamento da un otorino esperto in sindromi vertiginose e acufeni, così vedo se riusciamo a risolvere questo problema che sta diventando insopportabile.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 797XXX

Iscritto dal 2008
Salve, sono stata dall'otorino che oltre ai soliti controlli dell'udito mi ha fatto un'endoscopia con telecamera e la prova con l'acqua a varie temperature per la labirintite.
Ha costatato che ho un abbassamento della soglia dell'udito nel percepire i suoni gravi all'orecchio dx e secondo lui questo porta l'acufene, mentre per le vertigini ha accertato che non ci sono patologie alle orecchie e ha ricondotto il problema alla cervicale.
Da una settimana prendo il sirdalud e devo dire che le vertigini sono calate, ma la tensione al collo è la stessa.
L'otorino mi ha consigliato il vertisec, ma ora non so se prenderlo o no anche se ogni tanto ho ancora qualche giramento di testa.
Per l'acufene mi ha detto che l'unica cosa che si può fare è utilizzare un auricolare che rilascia un laser da tenere una ventina di minuti al giorno per un mese che ha dato buoni risultati.
Può essere una valida terapia ?
A questo punto non è che anche l'acufene è portato dalla cervicale ?
Grazie mille per l'aiuto
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Marcelli
40% attività
4% attualità
16% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Salve.
Mi ripeto. La cervicale non c'entra nulla con i suoi disturbi. Potrebbe trattarsi di un idrope endolinfatico (un accumulo di liquidi nell'orecchio responsabile sia dell'acufene sia delle vertigini) o, più difficilmente, di una sofferenza vascolare che interessi labirinto posteriore (vertigini) ed anteriore (acufene ed ipoacusia)
Sarebbe il caso di sottoporsi ad esame ABR e di monitorare la funzione udtitiva con esami periodici.