Utente 390XXX
Buongiorno a tutto lo staff di medicitalia.it
A breve dovrò essere ricoverato per la rimozione di un'ernia discale fra le vertebre c5-c6, e dovrò dunque essere sottoposto ad anestesia totale.
Quest'estate ho fatto largo uso di oppio (fumato e ingerito), e inoltre sono un consumatore cronico di cannabis. Sono molto preoccupato, poichè il chirurgo che mi opererà è un parente stretto di uno dei miei migliori amici, e siccome ho deciso di essere totalmente sincero con l'anestesista temo che lui possa venire a conoscenza di questa situazione.
La domanda è: l'anestesista è tenuto a produrre un documento scritto al quale il chirurgo può/deve avere accesso, o comunque è tenuto a rivelare questi particolari allo staff in sala operatoria?
Grazie in anticipo, buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buona sera, innanzi tutto e per la sua sicurezza intra e perioperatoria lei deve informare l'anestesista di ciò: è importantissimo.
L'anestesista è legato al segreto professionale e lo è anche il chirurgo, quindi anche se per motivi strettamente inerenti l'intervento, l'anestesista dovesse informare il chirurgo, questi non è che può poi andarlo a dire in giro: il segreto professionale è una cosa seria, perciò stia tranquillo.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 390XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la celere risposta, e soprattutto per non avermi giudicato per le mie scelte sbagliate. Vorrei farle, se non è troppo disturbo, un'altra domanda. Assumo da circa due settimane, e sotto prescrizione medica, il Contramal in gocce (15 gocce la mattina e 15 la sera). Tale medicinale non riduce il forte dolore col quale convivo ormai da circa due mesi, ma riesce a tranquillizzarmi e mi fa affrontare con più positività la mia condizione. Se mi capita di non prenderlo, però, divento un po' irritabile, e non vorrei che questo fosse un segnale di assuefazione/dipendenza. Dovrei, a suo dire, ridurre gradualmente il dosaggio prima del ricovero?
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buon giorno, diventa irritabile perchè il dolore aumenta?
Non credo ad un fenomeno di dipendenza, tuttavia se riesce a ridurlo è cosa buona a prescindere.
Non dimentichi di informare l'anestesista anche di questo come di tutto ciò che riguarda la sua storia clinica pregressa.
Saluti