Utente 388XXX
Caro Dottore sono un uomo di 54 anni e peso 74 chili di fumo circa 10 sigarette al giorno negli ultimi otto mesi ho perso circa 8 chili a causa di un problema di ansia e depressione due anni fa sono stato curato con interferone e ribavirina per un problema di epatite C che si è tutto risolto. Da giovane ho fatto uso di eroina adesso non uso più niente uso soltanto degli ansiolitici tipo xanax e Minias in minime dosi. Comunque il problema è questo circa un anno fa ho avvertito un fastidio al fianco sinistro all'altezza della milza mi hanno fatto fare tanti accertamenti colonscopia gastroscopia tc addome esami sangue rx l'unica cosa che è uscita e il reflusso gastroesofageo con ernia iatale che sto curando con esopral. Adesso è circa un mese che questo fastidio si è trasformato in dolore e si è spostato dalla parte bassa sotto l'ascella è vicino al petto sinistro ho fatto tutti gli esami per il cuore e ho fatto anche la spirometria è una rx torace laterale fortunatamente non è uscito niente però questo dolore è sempre costante prima si spostava un po' più in alto è un po' più in basso adesso sono circa un mese che si è fermato sotto l'ascella è vicino al petto sinistro specialmente quando tossisco o faccio uno starnuto. Secondo lei dottore è il caso di fare una tac al torace oppure voi cosa ne pensate grazie e scusatemi per il disturbo buon Natale.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
è evidente che il suo dolore non è di origine cardiologica.
Non ne ha le caratteristiche cliniche.
Emerge da una sua precedente richiesta di consulto un verosimile pectum excavatum. Sicuramente la relazione tra tale alterazione e il dolore riferito è presente.
Poichè NON SI POSSONO CONSIGLIARE FARMACI per via telematica, di nessun genere, la cosa migliore da fare è consultare un fisiatra che dopo una accurata visita potrà impostarle un percorso terapeutico ex visita non telematica.
Sarà lo stesso specialista, se lo riterrà opportuno, a consigliare una TC del torace o altra tecnica di diagnosi per immagini.
Si tranquillizzi e passi un Sereno Natale,
Caldarola.
[#2] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Addendum: è inutile che io deplori la sua abitudine al fumo.
Se teme per il suo cuore e per il suo organismo la prima cosa che deve fare è smettere di fumare.
Non ridurre ma smettere!
Ancora Auguri,
Caldarola.
[#3] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2015
Caro Dottore la ringrazio per la risposta e subito dopo questo periodo di feste andrò da uno fisiatra. Così vedrò cosa ne pensa del mio petto incavato e se i dolori sono dovuti allo stesso e se mi consigliera di fare una TAC del torace. Comunque se c'era qualcosa di importante dopo tutti gli esami che ho fatto penso che usciva fuori .vero dottore ?la ringrazio nuovamente e le auguro di passare buone feste.
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
si, stia tranquillo, vedrà che il fisiatra troverà la soluzione al suo problema.
Penso anche io che gli esami che ha fatto debbano tranquillizzarla.
Smetta di fumare!
Buon Natale!
Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2015
Cercherò come lei mi consiglia di smettere di fumare grazie di avermi tranquillizzato spero di sentirci presto solo per i saluti buona giornata e grazie