Utente 397XXX
Buongiorno Dottore, grazie dell'ascolto innanzitutto,

premesso che sono un soggetto abbastanza ipocondriaco e pauroso.

ieri sera 25 dicembre, ho avuto un rapporto superficiale sessuale con una donna sulla quarantina, madre di due figli.
Non c'è stato alcun altro rapporto, nessun bacio etc, io mi masturbavo con mani asciutte e le masturbavo la vagina senza entrare col dito ma a mano aperta dall'esterno.

Improvvisamente lei prende a masturbarsi, per qualche secondo e con la stessa mano, in maniera repentina mi passa un dito o due sul glande prepuzio, credo proprio nel tentativo di eccitarsi maggiormente nn so, purtroppo il suo dito aveva appena toccato la sua vagina(solo per pochi secondi, forse due), appena lei mi ha toccato il pene con quel dito o due mi sono prontamente ritirato, e nn avevo presenza di liquidi, ma sicuramente il dito aveva appena toccato la sua vagina quindi sicuramente umido.

La mia domanda è la seguente potrei essermi infettato di qualcosa di grave per esempio hiv od epatite?

Che quantità di secrezione vaginale è in grado di contagiare, basta quello che si può trasportare su un dito, che tocca il glande o prepuzio, in questa situazione per pochi secondi?

E' possibile che attraverso quel dito o due possa avere trasportato sul glande o prepuzio, in quei pochi secondi possa avermi contagiato?

In questo caso si può sempre parlare di contatto indiretto?

Queste secrezioni vaginali, in cosa consistono? si vedono? sono liquide? o sono invisibili

dopo circa 3 minuti ho messo della saliva sul glande con l'idea di disinfettarlo ed ho strofinato, dopo circa 20 min., ho fatto pipi sciacquando con la stessa urina il pene con il classico movimento di chiuderlo sulla punta e poi rilasciarlo.

Specifico che non cè stato nessun altro contatto sessuale.

Dottore la prego mi risponda al più presto perché ho tanta paura.

grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, il racconto della effettuato non pone rischi significativi di malattie sessualmente trasmissibili. Cordiali saluti.

Dr Laino
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore, mi scuso ancora IC.a una settimana fa ho avuto un incidente e ho riportato una ferita sul ginocchio e sulla caviglia che possibilità ci sono che qualchesecrezione possa essere andata su queste ferite. In questo caso si può parlare di ferite aperte ( c e crosta integra anche abbastanza profonda.

In questo caso il corpo è più debole a causa delle infiammazioni e ferite riportate e quindi più esposto a virus?

In ultimo se potrebbe spiegarmi meglio perche, non ho avuto rischi significativi con quel contatto di masfurbazione.

Grazie millle dottore
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Credo che non debba preoccuparsi di queste situazioni correlate e placare l'ansia.

ancora saluti

Dr Laino
[#4] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Buonngiorno dottore e grazie mille delle risposte,

Le chiedo in ultima battuta se il dito con secrezioni vaginali fosse venuto a contatto con i metuo urinario invece che solo con la mucosa glande, cambierebbe qualcosa da punto di vista di un possibile contagio, od il metuo urinario può essere considerato come il glande, codalnpunto di vista infettivo
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No non cambia

saluti!

Dr Laino
[#6] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno dottore,

Mi scusi ancora, avverto da due giorni una specie di indolenzimento/calore nell interno coscia, fino a meta coscia, potrebbe essere associato ad un sintomo di hiv?( tempo trascorso da contatto giudicato non a rischio 16 giorni)

La informò che su questa gamba dove avverto questo indolenzimento/fastidio circa 10 anni fa ho subito lo stipping della safena.

Grazie
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi che l'ansia predomini su tutto. Si rassereni e si faccia seguire in sede venereologica!

cari saluti

Dr laino