Utente 399XXX
Salve da 3 settimane accuso tantissimi malesseri, è iniziato tutto con un violento mal di testa notturno che mi rendeva insensibile la parte sinistra della testa dietro poi pochi giorni dopo tachicardia sinusale battiti 120/130 min ho fatto due visite cardiologiche e mi hanno detto cuore ok e prescritto bisoprololo 1,25 1 pastiglia al giorno e il battito si è regolarizzato un poco anche se al mattino appena svegliata è 100/110 poi scende riprendendo la pastiglia. Dopo questo mi sentivo un nodo in gola e ho fatto visita dall otorino ed avevo una tonsilla molto infiammata e reflusso gastroesofageo, mi ha prescritto antibiotico oraxim 500 mg due volte al giorno e in più una dieta a solo pasta pane riso. Il giorno della vigilia mi è iniziato un dolore tremendo alla parte sinistra della pancia ed è passato dopo due giorni, in questi giorni invece ho una forte pressione alla testa sopratutto fronte e naso e un forte dolore al cuore e zone intorno ad esso e in piu il battito oggi era di nuovo a 130 nonostante il bisoprololo.. Cosa mi succede?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
il suo dolore non può essere valutato a distanza, anche se è molto verosimile che non c'entri nulla con il cuore ma sia di origine muscolo - scheletrica.
Perciò se continui o si intensifichi si rechi al P.S. perchè questo è un consulto telematico e non abbiamo la sfera di cristallo.
La dose di 1,25 mg di Bisoprololo è la dose starter per lo scompenso cardiaco: forse riuscirebbe a controllare il ritmo di una formica non certo di una donna adulta.
Quindi non si meravigli se nonostante tutto ha rilevato 130 bpm.
Questo per quanto pertiene alla cardiologia.
Il resto mi sembra causato da una banale sindrome influenzale che quest'anno si manifesta anche con sintomi gastro - enterici. A meno che non soffra di reflusso G.E.(MRGE) nel qual caso al pane e riso va aggiunto un IPP.
Lei è anche molto ansiosa e questo non le giova.
Un colloquio con il suo Curante servirebbe a fare la quadra della situazione.
Saluti,
Dr. Caldarola.