Utente 403XXX
Salve a tutti,
Scrivo per ascoltare qualsiasi possibile opinione e consiglio a riguardo.
Da 5 mesi ho una relazione stabile, abbiamo rapporti frequenti con e senza preservativo.
L'atto è sempre stato molto piacevole e a volte un po difficile da iniziare per via delle tolleranze molto ristrette tra noi due...
Con il tempo ho però riscontrato un aumento inverosimile dell'elasticitá della pelle che ricopre il glande.
Se prima era difficile stenderla completamente da rilassato, adesso invece, da completamente eretto, riesco a stenderla a tal punto da farmi sembrare circonciso...

I primi rapporti erano molto lunghi... Almeno 30 minuti... A volte non si riuscivano a completare...
Adesso nell'arco di 30 minuti ho 3 orgasmi e non riesco a gestirli in nessuna maniera...
L'unica cosa per prolungarli è usare il preservativo... Ma cambia ben poco... A volte mi basta il primo minuto a farmi desistere e ad indossare subito il preservativo...

La precisa zona interessata è la mucosa tra il glande e la pelle che ricopre quest'ultimo...
Non voglio metodi palliativi come preservativi ritardanti o creme...
Non mi sento piu me stesso, e questo problema snervante mi fa sentire inutile...
Cosa posso fare per eliminare questo problema?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quella pelle c' entra poco, a naso. Si faccia vedere da collega per vedere se il problema è veramente cosi o c' è dell' altro: es. infiammazioni o alterazioni ansiose.
[#2] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Grazie Dr. Giovanni per la risposta velocissima.
Non so se le compaiono le mie generalitá ma mi chiamo giuseppe e sono uno studente di 26 anni

Se il problema fosse ansioso come potrei accertarmene?
Come posso invece provare che sia un problema fisico?

Se fosse un problema infiammatorio (e potrebbe quadrare) posso usare qualche metodo naturale come l'aloe vera che comunque "male non fá"?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
La ringrazio del Giovanni, che sono Giorgio Cavallini, in arte dottore, che questo Giovanni è sintomo psicologico, il resto lo lasci a bravo collega.
GC
[#4] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Certo è vietato sbagliare, se per sbaglio mia ZIA mi chiama col nome di mio fratello allora vuol dire che anche mia zia ha lo stesso mio problema?

La dovrò avvisare subito...

Mica le dispiace se nel frattempo aspetto risposta da un urologo che non omette gli articoli nelle frasi?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
anche prendersela per frase scherzosa è sintomo psicogeno.
[#6] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Non posso aspettare un altra consulenza di un urologo che sappia scrivere in italiano?
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Ha ragione non può proprio aspettare: il suo è problema inderogabilmente pernicoso per la integralità psico-fisio-affettivo della illuminata persona di vossignoria illustrissima, che si interfutura nell' io cosciente, che le si acconcia e le impedisce di svettar luminoso su le macerie di questo antico momdo perniciosamente plebeo. La mia angoscia è impareggiabilmente angosciosa.
At salut burdel caiò bela ridest a sè: la saluto giovinotto che ho riso abbastanza.
[#8] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Come sopra, aspetto un altra consulenza, grazie per il suo interessamento.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
poffarbacco