Utente 399XXX
Buongiorno,
mi chiamo Sara e ho 35 anni.
Questa domanda sarebbe per il Dr. Griselli siccome ho letto alcune sue discussioni in merito alla crema allo spironolattone per curare l'acne.
Da anni soffro di acne ormonale e prendo la pillola da quando avevo 20 anni. Ho provato recentemente a smettere la pillola per vedere se la situazione era migliorata ma dopo un mese e mezzo l'acne è ritornata e ho dovuto ricominciare.

Anni fa il mio dermatologo mi aveva detto che, oltre alla pillola, c'erano altre cure che mi avrebbero aiutata ma queste cure mi avrebbero rovinato il fegato e ci sarebbe anche stata la seria possibilità che non avrei più potuto avere figli. Non so di che cura si trattasse perchè non gliel'ho chiesto visto che l'ho subito scartata.

Adesso mi ritrovo a leggere sul web che questa crema al spironolattone è molto efficace per la cura dell'acne ormonale.
Le chiedo Dottore se non è questa la cura così dannosa che provoca danni al fegato e compromette la fertilità. Credo che solo una cura interna e non topica possa creare tanti danni, ma vorrei esserne certa chiedendo la sua opinione.

Se la crema fosse sicura in tal senso, vorrei provarla. Mi potrebbe dire come funziona esattamente? Lo spirolattone blocca la produzione di testosterone in tutto il corpo , un po come fa la pillola, o semplicemente fa sì che il testosterone non arrivi alla pelle??

Vorrei tanto che questa cura potesse aiutarmi e che fosse sicura, perchè vorrei smettere di prendere la pillola: ritenzione idrica, calo del desiderio sessuale, rischio di trombosi.

La ringrazio in anticipo.
Sperando di sentirla presto, le auguro buona giornata.
Sara
[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
non ho proprio idea a cosa mai potesse riferirsi il collega quando le ha detto quella cosa su fegato e impossibilità di procreare.
Forse vi è stato un fraintendimento , e magari il dermatologo parlava di isotretinoina orale,che è teratogena (quindi non influisce sulla fertilià, ma sullo sviluppo dell'ev. feto), Ma il problema esiste solo durante la terapia e già dal mese successivo già si può regolarmente rimanere incinta. E non devasta il fegato ,ovviamente
mah.
Tornando allo spironolattone, questo agisce come competitore recettoriale, a livello del recettore citosolico di didiidrotestosterone e androstanadiolo. Cioè ha azaione antiandrogena , femminilizzante.Lo spironolattone si usa , topicamente a concentrazione dallo 0,5 al 5%. , e i risultati , sono buoni , fatto salvo l'odore sgradevole che purtroppo emana, a causa della sua composizione chimica.
Il dermatologo le scriverà l'esatta galenica per il suo caso.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la celere risposta.
Anch'io purtroppo non so a cosa si riferisse perchè non mi sono addentrata nell'argomento (visto la pericolosità di questa cura ho subito lasciato perdere).

In merito al blocco nella produzione di testosterone, cosa mi puo' dire? Il testosterone non verrà più prodotto dall'organismo , o sarà bloccato solo localmente?

Sono interessata a questo quesito perchè uno dei motivi per cui voglio smettere di prendere la pillola è il calo del desiderio, e so che questo puo' essere dovuto alla mancanza di questo ormone maschile. Non so se lo stesso effetto l'avrò con questa crema.

Non so se il mio dermatologo conosca lo spironolattone, perchè ho letto che non tutti i dermatologi lo consigliano e lo usano, in effetti quando avevo fatto la visita non me l'aveva proposto. Non è detto che non verrò a farle visita nel suo studio di Torino. Quali esami dovrei portare con me per una esatta prescrizione del farmaco? Le puo' essere utile sapere se ho l'ovaio policistico? E in tal caso quale esame devo fare?

Per quanto riguarda l'odore: se il farmaco è in grado di risolvere il problema completamente come la pillola, mi tapperò il naso.

Grazie ancora
Sara
[#3] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Mi scuso per la domanda ripetuta riguardo alla questione produzione o meno del testosterone.

So che mi ha già risposto quando dice che "agisce come competitore recettoriale, a livello del recettore citosolico di didiidrotestosterone e androstanadiolo. Cioè ha azaione antiandrogena , femminilizzante".

Ma non essendo del mestiere, non ho capito cosa questo significhi.

Mi basta sapere se influenza il desiderio sessuale come per la pillola o se agisce diversamente.

Grazie ancora
Cordiali saluti,
Sara

[#4] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
gent.le pz
la preparazione è ad uso locale , non generale , e di sicuro non può influire sulla produzione e sui livelli ematici degli androgeni. Esplica la sua azione a livello tissutale , cioè localmente.
Può dare ottimi risultati , ma ovviamente non in tutti i casi . Oltre all'odore , in alcuni casi piò dare una blanda irritazione.
Le ricordo comunque che la cura dell'acne richiede una strategia complessa , sia nella detersione , che nella idratazione , protezione , uso di farmaci seboregolatori , sebolitici , ormonali ,etc, quindi la crema , anche se efficace , va inserita in un contesto terapeutico più strutturato.
In ultimo la considerazione sui galenici
. sono un' arma importantissima e DEVONO ESSEREconosciuti , e possibilmente usati, ma nonsi tratta di terreno semplice.
Cordialità
[#5] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Grazie infinite!
In merito agli esami da portarle per una cura personalizzata?

Saluti
Sara
[#6] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
In caso di acne , si parte sempre dalla visita con esame obiettivo , e anamnesi completa,Inoltre si ritengono utili gli esami ormonali ,sessuali ed ematochimici di base., che però vengono modulati sulla visita per limitare la iperprescrizione.
Cordialità
[#7] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Perfetto,
grazie!

Saluti
Sara
[#8] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno Dottore,
vorrei chiederle un'altra cosa.
Ho deciso di fare una visita nel suo studio agli inizi di luglio (Torino) per valutare con lei la cura allo spironolattone.
Preciso che io vivo in Kenya e tornerò in Italia verso fine giugno e rientrerò agli inizi di agosto. Quindi non ho tanto tempo ma ci tengo a sentire un suo parere.
Detto questo, vorrei prepararmi per tempo.
Per valutare la mia situazione di acne ormonale, mi diceva che sarebbero utili gli esami del sangue ormonali , sessuali e di base.
Ora la domanda è: gli esami sulla mia situazione ormonale andrebbero fatti mentre sto ancora prendendo la pillola o dopo una sua sospensione? La mia intenzione è quella di smettere di prendere la pillola e iniziare, se fosse efficace , la cura allo spironolattone. Pertanto immagino che debba fare gli esami dopo sospensione della pillola.
Se è così quanto tempo dovrebbe passare dalla sospensione agli esami del sangue?
Le chiedo questo perchè non vorrei che non ci fosse il tempo per fare tutto. Se è come penso io , posso interrompere la pillola già adesso e arrivare in Italia pronta per gli esami.

Rimango in attesa di una sua gentile risposta,
Grazie
Sara
[#9] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Non so se ho scelto il posto giusto per fare questa domanda..
ma non so come fare a contattarla direttamente e avere una sua opinione per prepararmi alla visita..

Grazie ancora per la comprensione.
Sara
[#10] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Mi scriva in privato
giampierogriselli@medicitalia.it
Cordialità