mani  
 
Utente 277XXX
Buon pomeriggio,
volevo chiederVi un consulto al mio problema alla mano.
Circa il 13 gennaio 2016 improvvisamente accusai di un dolore alla mano dx relativamente alla zona superiore esterna del polso, senza aver accusato nessun trauma. Lasciai passare qualche giorno ma non mi passò il dolore, anzi, due giorni dopo, mi svegliai con la mano gonfia soprattutto nel tratto tra polso interno e le prime tre dita della mano.
A quel punto mi rivolsi al mio medico di condotta, il quale mi disse di assumere antidolorifici e fare ghiaccio.
Passato il week end il gonfiore venne a meno ma dal lunedì sera successivo il problema si ripresentò, tanto da dover ricorrere al pronto soccorso per i forti dolori. Li mi fecero i raggi alla mano dx ma non trovando nulla di rotto, sospettando una tendinite, mi fecero una fasciatura semi rigida da tenere per 5 gg, dopodichè dovevo mettere un tutore per tenere il polso fermo, continuare a prendere il tachidol e fare un ciclo di cortisone (deltacortene) per 5 gg.
I dolori sembravano passati dopo questo periodo ma il problema si ripresentò. Tornata dal mio medico di condotta mi disse di fare un secondo ciclo di cortisone.
I problemi sembravano passare giusto il tempo della somministrazione di cortisone ma poi si ripresentavano.
Decisi allora di fare una visita da un chirurgo della mano il quale, dopo una visita ambulatoriale, sospettò la sindrome del tunnel carpale. Mi prescrisse di fare l'EMG e di tornare per il controllo.
L'esito della EMG risultò negativo ma visti i continui dolori mi consigliò un'infiltrazione per sospetta STC non evidenziata dall'esame. Se si fosse ripresentato il dolore dovevo tornare per un controllo. Così ho fatto. Oggi, dopo due mesi dall'infiltrazione, sono tornata da lui e stupito della cosa mi ha prescritto una risonanza magnetica e una visita dal neurologo.
Secondo il vs parere di cosa si può trattare? per quali motivi mi ha consigliato questi esami?
Sintomologia alla mano in ordine di fatti:
Iniziale dolore (fitta) alla parte superiore esterna del polso destro che è ancora presente qualora prenda in mano oggetti pesanti
Gonfiore dal polso interno fino a tutte e tre le dita della mano (soprattutto sulla tabacchiera) che dopo l'infiltrazione si è molto placata
Scosse lungo tutto il palmo della mano e l'avambraccio ancora presenti
perdita di forza di tutto il braccio ancora presente
Difficoltà a chiudere la mano tuttora presente
Leggere scosse le ho sempre avute durante tutto il periodo anche alla mano sinistra ma di lieve entità rispetto alla destra.
Dolori alle cervicali con leggere scosse che dalle cervicali si irradiano sulla testa (fatte presenti al chirurgo , non le ritiene correlate, visti anche i raggi fatti mesi fa).
Faccio inoltre presente che ho effettuato anche gli esami del sangue per sospetta artrite reumatoide, visto che mio zio ce l'ha, ma risulta anch'essa negativa.
Attendo Vs gentile riscontro visto che si tratta della mano dominante, grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la Sindrome del Tunnel Carpale NON si manifesta con dolore localizzato durante il giorno, ma, eventualmente, con dolore diffuso esclusivamente notturno.

Il sintomo principale e costante, però, non è il dolore (che può anche essere assente), bensì il formicolio alle prime tre dita (parestesie).

Pertanto, ritengo (anche se non è possibile fare diagnosi a distanza), che il suo problema principale (dolore) dipenda da altro, non da una STC.

Questa, al limite, potrebbe essere associata, ma non costituire il problema principale.

Del resto, la negatività dell'EMG non esclude affatto la presenza di una STC.

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio dottore per la risposta.
Lo so che a distanza le è difficile fare una diagnosi ma considerando i miei sintomi attuali, parestesia al palmo della mano e all'avambraccio, leggere parestesie alla testa, mancanza di forza al completo braccio destro e difficoltà, a volte, a chiudere la mano, di cosa si potrebbe trattare?
Quali accertamenti dovrei fare, visto che si presume escludere la STC o per lo meno non ritenerla il problema principale?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Non ha molto senso parlare di cosa potrebbe trattarsi: potremmo elencare diverse patologie....

Qui si tratta invece di fare una diagnosi precisa, cui deve seguire una specifica terapia.

Non si può ragionare per ipotesi o fare terapie a caso.
[#4] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Chiedevo infatti a Voi solo un indicazione su come procedere, a chi rivolgermi o che esami fare.
Il chirurgo della mano accennava a risonanza della mano e visita neurologica. Possono esser un buon inizio?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Si, va bene. In alternativa alla RM, potrebbe anche andare bene un'ecografia con sonda ad alta frequenza.
[#6] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Ok ottimo. A risultati in mano casomai le faccio sapere.
La ringrazio intanto per la sua disponibilità e le sue risposte
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Va bene.
[#8] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno, ecco il risultato della RM al polso dx:
l'esame evidenzia minime irregolarità del segnale osseo del semilunare, di tipo geneticamente micro-geodico, senza peraltro alterazioni dei rapporti articolari, coinvolgimenti cartilaginei significativi, nè anomalie tendinee sei segmenti esaminati.
RM alla mano mi sono rivolta al neurologo, il quale mi ha visitata completamente e ha evidenziato questo:
es neurologico negativo (la ripetizione della ENG conferma l'assenza di STC) dolenti l'articolazione del polso dx del gomito dx del punto sacroiliaco sx e le regioni muscolari cervicali bilaterali. ARTRALGIE prev in polso dx CEFALEA TENSIVA da tensione muscolare cervicale.
Mi ha prescritto così di prendere 3+3 gocce di LAROXYL e PRAZENE per 15 sere, se necessario DICLOFENAC gel e se cefalee SYNFLEX.
Sono al 20gg di cura e sento decisivi miglioramenti, apparte la stanchezza fisica, la difficoltà visiva e il dolore al collo. Spesso devo ricorrere alle pastiglie per forti mal di testa. Mano abbastanza stabile, pochissimi fastidi e parestesie ma non del tutto estinte.
Consigliate visita reumatologica?
Grazie
[#9] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Vi inoltro, solo per conoscenza, anche l'esito della RM al collo:
canale rachideo nei limiti per dimensioni
midollo spinale regolare per forma, spessore, intensità del segnale
rettificata la fisiologica lordosi
angioma senza rilievo clinico del corpo vertebrale di c6
in c5-c6 sono evidenti irregolarità artrosiche disco-vertebrali e piccola protrusione disco-somatica preforaminale sinistra che impronta l'astuccio durale, riduce il forame radicolare e gli spazi liquorale del recesso laterale.

Il neurologo mi ha spiegato che questo quadro clinico dovrebbe darmi fastidio alla mano sx e non dx
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Prosegua con la terapia datale dal neurologo.
[#11] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio.
Buona giornata