Utente 420XXX
Salve professori mi aiutate a capire l istologico d mia moglie, parlavano d cisti sebacea, ma il risultato dell istologico recita quanto segue:

Donna 32 anni, peso 73.5kg

Informazioni cliniche: Cute gluteo sinistro, neoformazione presente da circa un anno.
Materiale inviato: Cute, biopsia escissionale.
Descrizione macroscopica: Irregolare frammento di cm 2 di diametro massimo sormontato da cute di cm 1x0,5.
Prelievi: A1-A2
Diagnosi istologica: Neoplasia mesenchimale del derma con pattern di crescita plurinodulare, costituita da fasci di cellule fusiformi con atipia lieve e moderata, che esprimono i marcatori desmina e actina-ML.
Necrosi ed emorragia sono assenti.
Mitosi: 10x10hpf, alcune atipiche.
Indice Ki67:15%.
La neoplasia infiltra il tessuto adiposo ipodermico.
Spessore di infiltrazione neoplastica e margini di resezione non sono valutabili.
Conclusioni: leiomiosarcoma G1-G2 primitivo della cute, infiltrante il tessuto ipodermico

Cosa dobbiamo fare? A chi dobbiamo rivolgerci ? il nostro medico di base rientra giovedì.
Cosa aspettarci? In quella zona dove è stata asportata mia moglie avvertiva e avverte un bruciore caldo forte se dorme su quel lato che di notte le impedisce il sonno e collegato a questo problema?

saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore vorrei sapere quanto è grande la neoformazione e se è stata asportata tutta o è stata fatta una semplice biopsia. In questi casi se la massa è asportabile in modo integrale e senza una modificazione estetica consistente è meglio procedere con la chirurgia e poi la radioterapia. se invece la massa è grande ed il prevedibile danno estetico consistente si esegue prima la radioterapia e poi la chirurgica. In ogni modo se si rivolge allo IOV a Padova trova l'ambiente oncologico più consono alla patologia di sua moglie. Si rivolga con fiducia. Cari saluti