Utente 895XXX
Gentili dottori,
la mia fidanzata, dopo aver effettuato un visita ginecologica seguita da appropriati esami di laboratorio, è risultata essere affetta da Papilloma virus di tipo 52 e 58 che gli hanno cagionato delle "piaghette" sulle piccole labbra della vagina.
Per maggiore sicurezza ha effettuato anche un test per l'HIV e per la Sifilide, risultati entrambi negativi. La terapia approntata dal suo medico curante consiste nell'assunzione in pillole di un antivirale e l'uso candele vaginali a base di interferone, alle quali seguirà l'asportazione vera e propria delle piaghe mediante laser o non so cos'altro.
Preciso che durante i nostri rapporti non facciamo uso del preservativo, anche perchè abbiamo deciso di sposarci l'anno prossimo ed un eventuale gravidanza non sarebbe affatto un evento indesiderato, anzi.
Ho letto il "trattato" online scritto dal Dott.Laino circa l'argomento, ma vorrei, se possibile, qualche delucidazione in più riguardo all'impatto del virus sulle persone di sesso maschile.
Ammesso che sia stato io a trasmettere il virus alla mia fidanzata, ho letto su internet che per l'uomo non esiste una cura e bisogna solo aspettare, è vero? Se il virus permane nel mio organismo allo stato latente, corro il rischio di re-infettare la mia fidanzata dando inzio ad un cerchio senza fine? Mi devo sottoporre anch'io al test per l'accertamento dell'HPV?
Grazie per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, rapporti protetti sinchè non verrà dichiarata guarita la sua partner per non incorrere nell'inoculazione del virus che come spesso diciamo non vuol dire avere sicuramente le manifestazioni.Stabilire poi chi sia stato "l'untore" è impossibile tenendo presente che paradossalmente il virus può essere preso anche alla nascita.Quando non presenti le manifestazioni non si è contagianti e tale sicurezza può averla solo tramite visita Venereologica attraverso la penescopia e/o il test all'acido acetico.
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 895XXX

Iscritto dal 2008
Seguendo il suo consiglio, ho prenotato una visita specialistica già per la prossima settimana. La ringrazio molto per la sollecitudine con la quale mi ha risposto, ora sono più tranquillo.
Un caro saluto.
[#3] dopo  
Utente 895XXX

Iscritto dal 2008
Buongiorno dottore, ho effettuato la visita 2 giorni fa, (è stata procrastinata causa impegni di lavoro) e l'esito della stessa è stato negativo, ovvero sono perfettamente sano. Nel frattempo la mia partner ha provveduto a rimuovere i condilomi mediante cauterizzazione e per questo motivo abbiamo interrotto momentaneamente anche i rapporti sessuali. Il dubbio su come ella possa essersi infettata rimane, il venerologo è stato evasivo, ma del resto, nessuno di noi ha la sfera di cristallo. Tenterò di capacitarmi del fatto, che il manifestarsi dell'infezione nella mia partner sia da attribuire ad una causa "secondaria" e non quello che penso io...
La ringrazio molto, le auguro buon lavoro.